Cerca

Il retroscena

Il Papa furioso con Obama: quell'appello agli americani

Il Papa furioso con Obama: quell'appello agli americani

E' stato sfiorato l'incidente diplomatico nel corso della missione americana di Bergoglio. I servizi Usa avrebbero voluto far passare sotto i metal detector tutta la delegazione del Papa. Il Pontefice - ricostruisce il Corriere della Sera . si trovata ancora a Cuba, mancavano poche ore al suo arrivo a Washington e al ricevimento alla Casa Bianca con Francesco ospite d'onore di Barack Obama. Ma il messaggio che ha lanciato il Papa è stato chiarissimo. Pur comprendendo le ragioni della sicurezza americana, il Pontefice ha fatto sapere che se non fosse stata modificata, si profilava il rischio che da Obama andasse solo lui senza la sua delegazione. Non voleva che i suoi uomini si sottoponessero all'"umiliazione" di un controllo. Perquisire gli uomini del Papa, si spiegò alla sicurezza americana, significava far passare il messaggio di una mancanza di fiducia nei confronti dello stesso Bergoglio. 

L'appello - Ma questo episodio, alla luce degli attentati di Parigi, è stato ormai superato. Ma stando sempre alla ricostruzione che ha fatto il Corriere, pare che Francesco non abbia gradite l'avvertimento diramato dal sito internet dall'ambasciata Usa agli americani in Italia. Il suggerimento che viene dato è quello di stare lontano dalle Chiese e più in generale dai luoghi religiosi perché potrebbero essere bersagli di prossimi attentati dell'Isis. Un messaggio che arrivava proprio mentre il Papa implorava: "Per favore, niente porte blindate nelle chieste, tutto aperto!". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enneesse

    enneesse

    21 Novembre 2015 - 03:03

    Obama e' un miserabile negro

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    20 Novembre 2015 - 16:04

    Se vogliono essere omosessuali lo siano, ma nessuno ha ordinato loro di farsi preti.

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    20 Novembre 2015 - 16:04

    il Papa può implorare ciò che vuole, ma se le nostre teste bacate in parlamento fanno entrare i terroristi come noccioline al bar ... ha ragione Obama!! lontano dalle chiese che questi son pericolosi!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog