Cerca

Altro schiaffo all'Italia

Bruxelles, attacco al Lambrusco: l'Unione Europea lo vuole liberalizzare

Bruxelles, attacco al Lambrusco: l'Unione Europea lo vuole liberalizzare

Arriva da Bruxelles l’attacco al Lambrusco: alla commissione Agricoltura dell’Unione Europea c’è infatti chi sta lavorando per liberalizzare la sua produzione. Ossia produrlo - sarebbe meglio dire riprodurlo - in altri Paesi Ue. Questo perché, come per altri noti vini italiani - il Lambrusco non ha un riferimento geografico, come invece il Prosecco in Veneto, su cui la Ue non può intervenire per liberalizzare i vitigni. Grande ovviamente la preoccupazione in Emilia-Romagna per quel che potrebbe accadere se non si corre ai ripari. «È vero che il Lambrusco non è di per sè una denominazione geografica» spiega Simona Caselli, assessore regionale all’agricoltura, «ma da sempre è identificato con varietà che hanno un preciso riferimento territoriale: Sorbara, Santa Croce, Castelvetro, nel Modenese, Montericco nel Reggiano. Non è un particolare di poco conto, ma la riprova che stiamo parlando di una famiglia di vitigni tipici dell’Emilia e di una parte del mantovano. So che il ministero delle Politiche agricole sta seguendo la vicenda e che già ha espresso propria contrarietà alla proposta Ue di rivedere l’attuale regolamento che tutela i vini Dop e Igp». Pronto alla battaglia anche il sindaco di Scandiano, Alessio Mammi: «Faremo tutto il possibile per il Lambrusco: è il vino italiano più esportato nel mondo, con 400 milioni di bottiglie all’anno e un ricavo di 500 milioni di euro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fofetto

    21 Novembre 2015 - 18:06

    Ma fate vedere che in Emilia oltre alle sinistre rovina Italia avete anche i testicoli. Ma ho i miei dubbi, lassisti incapaci e calabraghe come la vostra ideologia del cactus. Alzate la testa e dite basta a questa Europa gelosa dell'Italia. Perchè colpire il solito prodotto tipico italiano? Dovreste saperlo intelligentoni di sinistra. E non contate sul ministro Martina, altro calabraghe sinistro.

    Report

    Rispondi

  • routier

    21 Novembre 2015 - 17:05

    Sono vari decenni che mi bevo mezzo bicchiere di Lambrusco durante il pasto principale e ne ho tratto grande giovamento (in salute, digestione, umore, ecc). Quindi spero rimanga quel prodotto genuino che è tipico delle terre emiliane.

    Report

    Rispondi

  • fiorellacolosi

    21 Novembre 2015 - 17:05

    Lo schiaffo lo hanno già preso i francesi. Altro che Lambrusco!

    Report

    Rispondi

  • fiorellacolosi

    21 Novembre 2015 - 17:05

    Lo schiaffo lo hanno già preso i francesi. Altro che Lambrusco!

    Report

    Rispondi

blog