Cerca

In Cina

Il cane gli mordicchia lo smartphone: lo bolle e lo getta dalla finestra

Il cane gli mordicchia lo smartphone: lo bolle e lo getta dalla finestra

Si dice in genere che siano i gatti ad avere sette vite. L'eccezione alla regola la fa un cagnolino di nome "Tuffy" (un nome, un destino). Il cucciolo stava facendo quel che tanti suoi simili e coetanei fanno: mordicchiare oggetti vari in giro per la casa. Ha però commesso l'errore di mordicchiare pure lo smartphone del suo padrone, un trentenne di Pechino. Il quale è andato su tutte le furie: prima ha gettato il cagnolino in una pentola d'acqua bollente, poi l'ha gettato dalla finestra, facendogli fare a Tuffy un tuffo di circa quattro piani. La cosa incredibile è che a quel punto la bestiola era ancora viva. Yan Yinging, un designer trentenne, passava sul marciapiede prorpio in quel momento e lo ha raccolto privo di sensi e più morto che vivo. I veterinari ce l'hanno messa tutta e, dopo un complicato trapianto di pelle, gli hanno salvato la vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • torematore

    03 Dicembre 2015 - 09:09

    Nome, Cognome, indirizzo e n. di telefono di questo bastardo. Per favore inviatemeli sulla mia e-mail. Grazie. Oppure indicatemi il centro che lo ha salvato per poterli ringraziare.

    Report

    Rispondi

  • claudiomarco

    02 Dicembre 2015 - 16:04

    Ratelo in mano mia quel figlio...gli farei provare lo stesso trattament

    Report

    Rispondi

  • Angelalbert

    02 Dicembre 2015 - 16:04

    Va bene, anzi benissimo che quella bestiola sia stata salvata ma nessuno ha pensato a quel potenziale assassino? Non credo, semplicemente perché in Cina e in altri paesi dell'Estremo Oriente i cani li mangiamo per cui sono considerati alla stregua di carne da macello. quindi non sarà perseguito. E se gli facessero mordere lo smartphone da un leone?

    Report

    Rispondi

  • marafaimali

    02 Dicembre 2015 - 13:01

    Maledetto cinese:

    Report

    Rispondi

blog