Cerca

La definitiva rappresaglia

La Russia accusa la Turchia: "Erdogan traffica petrolio con l'Isis, ecco le prove"

La Russia accusa la Turchia:

Nuovo affondo contro la Turchia. Dopo l'abbattimento del jet, la rappresaglia russa continua. Mosca, infatti, mostra quelle che definisce "le prove" del fatto che il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, e la sua famiglia siano coinvolti nel traffico di petrolio dalla Turchia con lo Stato Islamico. La notizia è stata ribadita dai funzionari del ministero della Difesa russo, che ha parlato nel corso di un evento a Mosca. Nel dettaglio, la Russia di Vladimir Putin sostiene di aver individuato tre percorsi attraverso i quali il petrolio dell'Isis arriva in Turchia. Serghiei Rudoskoio, vice-capo di Stato maggiore russo, sottolinea: "Abbiamo scovato tre rotte principali per il trasporto del petrolio verso il territorio turco dalle zone controllate dalle formazioni dei banditi in Siria e in Iraq". Secondo il militare, inoltre, ci sarebbero una rotta occidentale che porta agli scali marittimi turchi sul Mediterraneo; una rotta settentrionale che conduce alla raffineria di Patma, in territorio turco; una rotta orientale, infine, che porta a una grande base nella cittadina di Zhizdra. Sempre secondo mister Rudskoi, infine, parte del petrolio dell'Isis che arriva in Turchia sarebbe destinato al mercato interno, mentre un'altra parte sarebbe venduta all'estero per la raffinazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    03 Dicembre 2015 - 13:01

    non mi sono mai fidato del turco ,ha rinnegato Ataturk che voleva fare della Turchia uno stato Laico ,libera chiesa in libero stato , Erdogan invece è per uno stato confessionale ,basta questo per mettere in guardia ,solo un grosso ignorante come l'oca nera non lo sa ,o forse ci sono interessi americani che non si possono dire.

    Report

    Rispondi

  • smrncl1

    03 Dicembre 2015 - 02:02

    Gelato al cioccolato al temine terrorismo non unisce mai la parola cioccolato...Quasi tutti i governi europei sono guidati da inetti che continuanoi a parlare di soluzione politica sapendo perfettamente che non è realistica.Il venditore ambulante fiorentino ...beh meglio lasciar perdere si fa prendere per i fondelli da tutti anche dall'India per i maro'

    Report

    Rispondi

  • civimar

    02 Dicembre 2015 - 21:09

    C'è un problema, in Turchia non esiste nessuna cittadina di Zhizdra.............

    Report

    Rispondi

  • lupoWolf

    02 Dicembre 2015 - 19:07

    Obama crede di decidere lui la sorte del Mondo, è solo un povero presuntuoso che non capisce nulla di strategia internazionale per risolvere e redimere i conflitti . Gli rode il chiccherone perché Putin non è stato al suo gioco con la complicità dell'Europa e della Nato . Origini mussulmane?

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      03 Dicembre 2015 - 23:11

      Condivido pienamente, anche perché gli USA sono guerrafondai per i cazzi loro e per far dimettere Assad che non è almeno un infame e non molla come giusto che sia sarà il Popolo Siriano a decidere non gli Usa, se non c'era Putin già li avevano massacrati, anche l'Italia interessata ma non muove un dito per difenderci , se non lo dice l'abbronzato che paese di MxxxA che BxxxxxxI.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog