Cerca

Alta tensione

Sanzioni per oltre 5 miliardi di euro. Così Putin mette in ginocchio un Paese

Vladimir Putin

L'abbattimento del cacciabombardiere russo da parte della contraerei turca rischia di trasformarsi in un pericolosissimo boomerang economico sull'economia di Ankara. Una delle prime reazioni di Vladimir Putin è stata quella di imporre sanzioni sugli scambi economici tra la Russia e la Turchia. Una decisione ratificata con una firma dello zar che avrà inevitabile effetto negativo soprattutto per l'economia turca che con la Russia ha un giro di affari pari a 31,1 miliardi di dollari, di cui 25,5 di importazioni e 6,7 di esportazini. La prima batosta arriva sul fronte energetico, visto che il 55% del fabbisogno di gas turco veniva comprato da Mosca. E poi, riporta il Sole 24 ore, ci sono i 3 miliardi di dollari che portano con sé i 4,5 milioni di turisti russi secondo i dati del solo 2014, oltre che il peso non trascurabile di un miliardo rappresentato dalle esportazioni di frutta e verdura.

La batosta - Gli effetti delle sanzioni saranno evidenti sulle stime del Pil turco che secondo Lubomir Mitov di Unicredit Research: "Si ridurrà dal 2,9 al 2,6% il prossimo anno per il calo del turismo, dell'export e dei servizi". Solo questi ultimi due aspetti pesano sull'economia turca per 5,8 miliardi, da sommare ai 3 miliardi di rimesse turistiche che svaniranno. Ankara dovrà rinunciare quindi a 1,8 miliardi di merci non più esportabili verso Mosca, 0,6 miliardi in servizi di trasporto e 0,3 miliardi per le costruzioni.

Il gas - Se sul fronte turistico la Turchia può anche resistere all'impatto delle sanzioni, visto che come sottolinea Yarkin Cebeci della JPMorgan si va incontro alla bassa stagione, è su quello energetico che rimangono in piedi tutti i timori di una batosta dolorosa. In particolare se la tensione dovesse aumentare: "la Turchia - sostiene Cebeci - può incontrare difficoltà nelle sue importazioni di energia. Circa il 55% delle importazioni di gas naturale della Turchia proviene dalla Russia. Tuttavia - chiarisce - tagliare le esportazioni verso la Turchia non sarà una decisione facile per la Russia. Il volume delle vendite ad Ankara è pari al 17% del totale delle esportazioni di Gazprom al di fuori dell'ex Unione Sovietica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rikis

    04 Dicembre 2015 - 19:07

    Putin è un buono! L'ex presidente americano Bush avrebbe messo la Turchia a ferro e fuoco. Obama non vale niente.

    Report

    Rispondi

  • supermarileti

    04 Dicembre 2015 - 12:12

    Putin ha fatto benissimo!

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    03 Dicembre 2015 - 23:11

    aiutate il vostro amletico nano dal suo rebus,chi deve buttare giu',il suo amico intimo putin,nel quale e' in forte perdita pecuniaria per i suoi investimenti privati in russia,causa la svalutazione del rublo,oppure buttare giu' ergodan di cui ha fatto il testimone di nozze al figlio di ergodan, buffone.

    Report

    Rispondi

    • marco50

      07 Dicembre 2015 - 18:06

      Frasi piene di senso.....essere comunista fa male, oltre che ai popoli , anche alla grammatica.

      Report

      Rispondi

    • lepanto1571

      06 Dicembre 2015 - 10:10

      Hai scritto in buon italiano, come tutti i comunisti.

      Report

      Rispondi

  • scorpione2

    03 Dicembre 2015 - 23:11

    bolinastretta,ha ragione nik2,in russia rimpiangono il vecchio pc,putin e' un dittatore .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog