Cerca

Dopo l'ennesima strage islamista

L'Islam e la fine del mondo. La profezia da panico dell'esperto

15
L'Islam e la fine del mondo. La profezia da panico dell'esperto

La strage di San Bernardino, in California, dove sono morte 14 persone "sembra chiaramente terrorismo islamico". A dirlo è lo storico liberal Paul Berman, voce critica da sinistra dell'atteggiamento considerato troppo conciliante con l'islamismo radicale: "I nostri media liberal, di sinistra - ha detto al Corriere della sera -tendono a presentare i casi di terrorismo islamico negli Stati Uniti come se fossero 'rabbia legata al posto di lavoro', caso di follia, e così via. Ma alla fine i fatti vengono a galla". Negare l'esistenza della radice religiosa in questi attacchi terroristici secondo Berman sarebbe l'errore più grave: "Questo episodio esige una leadership lucida e coraggiosa da parte dei politici americani e anche dai vertici della comunità musumulmana. È necessaria una risposta che riconosca il reale pericolo costituito dal movimento islamista e, allo stesso tempo, insegni al pubblico a distinguere tra musulmani estremisti e musulmani contrari all'estremismo".

I perché - Trovare una spiegazione ai veri motivi che spingono gli estremisti islamici a carneficine come quelle di Parigi o San Bernardino non è facile, secondo lo storico, neanche con l'aiuto delle scienze sociali, perché non bisogna illudersi che: "povertà, ineguaglianza, desertificazione, esclusione sociale possano spiegare i movimenti terroristici. Non spiegheranno mai perché qualcuno voglia farsi filmare mentre decapita persone la cui religione gli è sgradita".

Ideologia - Non è l'animo umano da spiegare, ribadisce Berman: "Ma bisogna indagare le ideologie stesse del terrorismo e dell'odio. E proporre delle alternative: è un dovere intellettuale. Certo, è anche un dovere di polizia e a volte un dovere militare". L'Islam secondo Berman è "un movimento totalitario di massa" coome comunismo e nazismo: "Abbiamo un disperato bisogno di incoraggiare il dialogo - dice Berman - Ma è pur vero che quando qualcuno tira fuori un Ak-47 e comincia a sparare, il momento per una conversazione fruttuosa forse è passato".

Le nostre colpe - Le responsabilità dell'Occidente sono tante, secondo Berman, con risvolti complessi e difficili da inviduare per poterne trarre un insegnamento. Di sicuro però: "L'intervento in Iraq si è dimostrato disastroso, tranne che in Kurdistan. La decisione di non intervenire in Siria è stata un disastro persino peggiore". Non per questo però i movimenti politici islamici possono essere assolti dalle proprie colpe: "Le responsabilità per gli orrori in Iraq e Siria ricade sul partito Baath e sugli islamisti violenti: movimenti che competono per il diritto alla tirannia e al massacro".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi primo

    05 Dicembre 2015 - 09:09

    Lo ripeto, il califfo americano cosa fa ? dorme e combatte Putin, vorrebbe la 'guerra santa' la saharja contro il mondo! la vendetta dei 'camiti' .

    Report

    Rispondi

  • patriota_destra

    patriota_destra

    05 Dicembre 2015 - 07:07

    I finanziamenti pubblici ai giornali percepiti nel 2014, la Top 10: - Avvenire: 4.355.324 di euro - Italia Oggi: 3.904.773 di euro - L'Unità: 3.615.894 di euro - Il Manifesto Quotidiano Comunista: 2.712.406 di euro - Cronaca qui.it: 2.361.897 di euro - Il Foglio: 1.523.106 di euro - Il Corriere Mercantile: 1.434.850 di euro - Europa: 1.183.113 di euro - Il Secolo

    Report

    Rispondi

  • DoctorMR

    04 Dicembre 2015 - 15:03

    Scusi Berman, anche lei guarda le cose dal punto di vista americano: Saddam e Assad non sono dei novelli santi ma avevano il merito di tenere in piedi un sistema sociale con aspetti di modernizzazione e gratificazione. Quali massacri hanno compiuto (con l'eccezione dei Curdi per Saddam)? Sono (erano) violenti dittatori? Mi pare sia in buona compagnia ma loro sono, però sono cattivi solo loro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media