Cerca

Verso la guerra

La prova sul jet abbattuto che arma Putin. Gli scienziati: "Tutta la verità su quel giorno"

Putin e il jet abbattuto

Né la versione turca né quella russa sul jet abbattuto reggono, ma chi l'ha sparata più "grossa" sarebbe il governo di Ankara. Lo dicono due scienziati astrofisici dell' università cattolica di Lovanio, Tom Van Doorsselaere e Giovanni Lapenta. I due ricercatori fanno pelo e contropelo al caso del bireattore cacciabombardiere tattico SU-24M abbattuto lo scorso 24 novembre, mentre era impegnato a bombardare forze dell'Isis in territorio siriano. Una teoria, la loro, che rende più solide le basi sulle quali Vladimir Putin promette ritorsioni contro la Turchia di Erdogan.

Le conclusioni dei due ricercatori sono analizzate dal quotidiano Italia Oggi che ricostruisce la vicenda: il governo di Ankara continua a sostenere che il jet militare russo si è inoltrato in territorio turco per almeno 17 secondi di volo e che la decisione di abbatterlo è stata presa solo dopo ben dieci avvertimenti, lanciati per cinque minuti di fila. Per i russi invece l' aereo non ha mai violato lo spazio aereo turco.

Il governo di Ankara dice che il velivolo russo è entrato in territorio turco per soli 2 chilometri e che volava a un'altitudine di 5.800 metri. I video dimostrano che dal momento in cui è stato colpito al momento dello schianto sono passati poco meno di 30 secondi. Tutto ciò significa che il velivolo viaggiava a più o meno 980 chilometri orari. Ma a quella velocità per percorrere gli appena 2 chilometri di penetrazione nello spazio aereo turco ci si impiegano solo 7 secondi e non 17 come invece sostenuto dalla Turchia.

Un altro punto è controverso. Secondo gli studiosi, se fosse vero che i turchi hanno lanciato 10 avvertimenti per 5 minuti di fila al velivolo russo entrato nel loro spazio aereo alla velocità di 980 chilometri orari, ciò significherebbe che l'aereo sarebbe penetrato in Turchia per 80 chilometri: ben 40 volte i 2 chilometri dichiarati dalle autorità turche.

La conclusione? I turchi, se davvero hanno lanciato i dieci avvertimenti, hanno iniziato a farlo quando il jet russo era a ben 78 chilometri di distanza dal confine. La versione russa sostiene che il SU-24M non ha varcato il confine con la Turchia e come prova fornisce una brusca deviazione della rotta di 90 gradi, provocata dall'impatto con i missili lanciatigli contro. I due di Lovanio fanno però notare che in base alle leggi fisiche per provocare una tale virata il velivolo russo avrebbe dovuto essere colpito da un oggetto molto più pesante dei missili contraerei turchi.

In ogni caso, in tempo di pace esiste una procedura chiamata Shadowing per bloccare un aereo sconosciuto che sconfina dove non dovrebbe: in questo caso i caccia, detti intercettori, sono adibiti a intercettare gli intrusi.  Ma questa procedura, con l'aereo russo, i turchi non l'hanno seguita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ammunition

    11 Dicembre 2015 - 13:01

    Erdogan appoggiato dalla l EU e dalla Merkel in particolare fà il gradasso, combatte i curdi ma noin l'isis. L'europa imbelle e vigliacca si fa ricattare da questo mussulmano integralista. Putin spero lo punisca a dovere mentre >Obama ranicchiato nella sua impotenza e incapacita guarda il casino mondiale e mastica nicorette

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    11 Dicembre 2015 - 01:01

    Per Fortuna che Putin non ha abboccato alla tesi dei falsi bugiardi Turchi, questi hanno la faccia come il CxxO e mentivano sapendo di mentire questo e il massimo dei CxxxxxxI, l'unica cosa che abbiamo trovato un Putin che non porta rancore verso l'Italia che ha contribuito a fargli le sanzioni specialmente con Gentiloni che per due volte sosteneva che bisognava sostenere le sanzioni alla Russia.

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    10 Dicembre 2015 - 20:08

    Vladimir ....ti aspettiamo tutti a Trieste....

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    09 Dicembre 2015 - 14:02

    per propia esperienza , quelli aspettavano gia il russo in quanto se i fatti si fossero svolti come dice l´emiro ERDOGAN, il jet russo avrebbe navugato nello spazio tirco per molti minuti dando tempo ai jet turchi di decollare e colpire..ridicolo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog