Cerca

Forze di terra contro i terroristi

Isis, 450 soldati italiani alla diga di Mosul. Il terrore: una disastrosa bomba d'acqua

Isis, 450 soldati italiani alla diga di Mosul. Il terrore: una disastrosa bomba d'acqua

"Siamo in Iraq per l'addestramento ma anche con un'operazione importante per la diga di Mosul". Così il premier Matteo Renzi, spiegando che l'Italia invierà "450 uomini insieme agli americani" per la difesa dell'opera, che sarà costruita da un'azienda italiana. La diga, infatti, si trova "in un'area molto pericolosa al confine con lo stato islamico, è seriamente danneggiata e se crollasse Baghdad sarebbe distrutta", ha aggiunto. L'Italia, dunque, sarebbe sul punto di schierare forze di terra contro l'Isis: obiettivo, evitare che la diga possa entrare nel mirino dei terroristi. La paura, infatti, è che in caso di nuovo attacco l'opera possa generare una bomba d'acqua: la diga, spigano fonti curde, è già danneggiata; se crollasse potrebbe portare alla distruzione delle province Ninive, Kirkuk e Salahuddin, causando probabilmente danni fino a Baghdad, che si trova 350 chilometri a Sud.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    28 Dicembre 2015 - 12:12

    Ma un etto e mezzo di cazzi nostri no eh ? Pensate a 450 soldati schierati in Campania,ad esempio, contro la Camorra...ah gia', lo Stato contro di Essa ci fa le trattative segrete. Che sbadato...non ricordavo !

    Report

    Rispondi

  • marino.defiume

    16 Dicembre 2015 - 11:11

    come mai 450 militari vengono inviati in Iraq a guardia della diga? Perchè l'obiettivo dei 450 militari italiani sarà vigilare affinché il Gruppo Trevi, che ha vinto la commessa di quasi 2 miliardi di euro, possa fare i lavori. E chi siede nel consiglio di amministrazione del gruppo? Il ministro Poletti, quello delle Coop. Che coincidenze!!!!

    Report

    Rispondi

blog