Cerca

Funerali

Kim Jong-un come non si è (quasi) mai visto. Il gesto davanti all'amico morto

Kim Jong-un come non si è (quasi) mai visto. Il gesto davanti all'amico morto

Succede anche allo spietatissimo dittatore nordcoreano Kim Jong-un di commuoversi in pubblico, come gli è accaduto lo scorso 29 dicembre quando ha partecipato ai funerali del gerarca Kim Yang Gon, morto in uno strano incidente stradale. L'agenzia del regime di Pyongyang ha diffuso alcuni scatti nei quali si vede Kim Jong-un sfiorare il volto dell'amico steso nel feretro visibilmente commosso. Il leader avrebbe poi commentato: "Era un compagno d'armi che nessuno potrà rimpiazzare". Anche se un nome sarebbe già spuntato, con un metodo che forse solo in Nord Corea poteva essere applicato. L'attuale leader aveva pianto in pubblico solo in un'altra occasione, quella dei funerali del padre Kim Jong-il nel 2011. In quell'occasione le immagini dei funerali di Stato sono servite agli analisti per valutare chi dimostri più affranto per la perdita e capire quindi lo stato della nomenklatura del regime. L'agenzia di Stato Kcna, in quell'occasione come nell'ultima, stila quindi un elenco di personalità presenti ai funerali, persone ritenute quindi vicine al leader. Nell'ultimo elenco è spuntato il nome di Cheo Pyong-hae, già segretario del Partito dei Lavoratori, scomparso dallo scorso 22 ottobre. Secondo l'intelligence sudcoreana, il politico era stato mandato in una miniera per rieducarsi con i lavori forzati. Ora sembra tornato e pronto per riprendere il suo posto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lady1

    01 Gennaio 2016 - 17:05

    E' come la gatta de san giovanne... ora ride e ora piagne.

    Report

    Rispondi

  • lady1

    01 Gennaio 2016 - 17:05

    Ma pensa te! Che animo sensibile!

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    01 Gennaio 2016 - 08:08

    Dare visibilità a personaggi di questo stampo è grave, che rida o che pianga l essenza del personaggio resta.

    Report

    Rispondi

blog