Cerca

Piano diabolico

Abusi sessuali a Capodanno, non solo Colonia: denunce a Zurigo, iracheni arrestati a Helsinki

Non solo Colonia. Dalla Finlandia alla Svizzera, si stanno moltiplicando le denunce di abusi sessuali organizzati da gruppi di profughi la notte di Capodanno.

Aggressioni a Helsinki - La polizia finlandese ha riportato un insolito alto numero di aggressioni a sfondo sessuale la sera di San Silvestro, organizzate da gruppi di profughi. "Questo tipo di aggressioni non si è verificato prima di Capodanno o in altre occasioni, è un fenomeno completamente nuovo a Helsinki", ha affermato il vicecapo della polizia di Helsinki, Ilkka Koskimaki. Le guardie di sicurezza impegnate nel pattugliamento della città a Capodanno hanno riportato alla polizia "aggressioni sessuali diffuse" nella piazza centrale, dove si erano radunate circa 20.000 persone per i festeggiamenti. Tre presunte violenze sessuali sono avvenute nella stazione centrale, dove si erano radunate circa 1.000 persone, in grande maggioranza iracheni. "La polizia ha ricevuto informazioni di tre casi di aggressioni sessuali, due delle quali sono state denunciate", si legge in un comunicato della polizia di Helsinki. "I sospetti erano richiedenti asilo e i tre sono stati arrestati", ha aggiunto Koskimaki. "Prima di Capodanno la polizia ha ricevuto alcune soffiate secondo le quali richiedenti asilo avrebbero potuto attuare piani simili a quelli di Colonia", si legge nel comunicato. A tal proposito, nei giorni precedenti il capodanno la polizia aveva arrestato sei iracheni nel centro di accoglienza di Kirkkonummi, 30 chilometri a ovest di Helsinki, sospettati di "istigazione pubblica a comportamenti criminali", e rilasciati il 2 gennaio.

Terrore a Zurigo - Stesso copione in Svizzera, dove la polizia ha fatto sapere che anche a Zurigo diverse donne hanno presentato "denunce per rapina e aggressioni sessuali". Circa 25 rapine sono state segnalate durante la notte del 31 dicembre, mentre 120mila persone si erano affollate intorno al lago della città per i festeggiamenti. Molte delle vittime hanno anche subito abusi sessuali, ha aggiunto la polizia, precisando che diverse sono state accerchiate e palpeggiate da "diversi uomini dalla pelle scura", mescolati alla folla. Uno scenario praticamente "identico" a quanto avvenuto a Colonia e in altre città tedesche, ha sottolineato il portavoce della polizia sebbene il numero delle vittime non sia lontanamente comparabile con quello registrato in Germania dove si parla di oltre 120 denunce. Le forze dell'ordine hanno aperto un'indagine, lanciando un appello a vittime e testimoni a farsi avanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ARARARA

    08 Gennaio 2016 - 11:11

    ...il piano c'era e c'è, mira alla reazione, a creare un contesto, a creare martiri, le strategie saranno attuate con pazienza ed astuzia... un po di pausa, un po di buoni sentimenti, un po di violenza, un attentatino, un po di molestie, un po di pianti, un po di buonismo... pianino pianino, pianino pianino... pochissimi da entrambe le parti conosceranno gli obbiettivi, e ancor meno i veri moventi

    Report

    Rispondi

  • arwen

    08 Gennaio 2016 - 09:09

    Non è un piano partorito dalla mente di un geniale terrorista. E' semplicemente quello che doveva succedere. Nella mentalità di un musulmano, soprattutto delle classi meno acculturate/arretrate (cioè quasi tutti) una donna, peraltro infedele, che se ne va in giro, secondo il suo modo di vedere. mezza nuda, non è altro che una prostituta a disposizione di tutti e toccarla nn è reato. Sveglia!

    Report

    Rispondi

  • gescon

    07 Gennaio 2016 - 23:11

    Mandiamo la boldrina a spiegare che non va bene.

    Report

    Rispondi

  • vfangelo75

    07 Gennaio 2016 - 22:10

    Che schifo, l'Europa per colpa della sinistra ha fatto una fine di mxxxa, che schifo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog