Cerca

La grande fuga

Dove andare a vivere, il paradiso a 4 ore dall'Italia: mare, niente tasse, benzina a 80 centesimi e cena a 12 euro

Tenerife

Tra i paradisi per i pensionati (e non solo) spicca l'isola di Tenerife: in centinaia si sono trasferiti alle Canarie per godersi l'assegno senza tassazione, godendosi così una vita (quasi) da re, con un clima mite e un mare spettacolare. Ma come si vive, a Tenerife? Una testimonianza è quella di Maria Teresa Tomaselli, che si racconta a La Stampa: "Quando stavo per vendere anche un gioiello che mi ha regalato mio marito pur di riuscire a pagare le bollette, ho capito che era il momento di scappare dall'Italia". Dunque, la fuga sull'isola: il punto è che con una pensione da 800 euro (maturata dopo 29 anni di lavoro a Massa Carrara) e 200 euro di introiti extra derivanti da piccoli lavori da sarta, alla fine del mese, non si riusciva ad arrivare.

"Non sopportavo più la spada di Damocle delle tasse, dei conguagli, delle ingiunzioni - prosegue nel racconto -. Mi si chiedeva più di quanto umanamente fossi in grado di dare. Ho dovuto portare al Compro Oro tutti i regali d'infanzia, i braccialetti di mamma e papà. L'Italia è la mia patria, mi vengono i brividi solo a pensarci. Ma non ce la facevo più. Qui a Tenerife posso vivere. Adoro il piccolo terrazzo del mio nuovo appartamentino. Adoro poter passeggiare fino all'una di notte tranquilla. Amo ballare al Banana e quando parte la musica non vedo più niente e nessuno", sottolinea compiaciuta.

Ma quella di Maria Teresa è soltanto una storia tra molte. Anzi moltissime: gli italiani che vivono della loro pensione all'estero sarebbero oggi quasi 60mila, e negli ultimi tre anni l'incremento è stato esponenziale. E a Tenerife, così vicina all'Italia, per esempio, la benzina costa 80 centesimi al litro e una cena al ristorante 12 euro: insomma, Maria Teresa a fine mese riesce pure a mettere via qualcosa, anche perché la tassazione parte dal 15% e i titolari di pensioni minime non devono fare alcuna dichiarazione dei redditi. Ci sono poi altri "paradisi per pensionati", quali la Bulgaria e la Tunisia; anche il Portogallo ha recentemente introdotto una legge che permette di incassare l'intero assegno lordo per i primi dieci anni di residenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emiamade

    30 Aprile 2016 - 20:08

    certo che avere un pirla che ti fa pagare il doppio degli altri stati, e poi lo regala ai suoi amici fannulloni, raccomandati e comunisti nullafacenti.....e nessuno dice niente, ma che popolo siamo diventati

    Report

    Rispondi

  • yale12

    20 Gennaio 2016 - 16:04

    Attenzione ai pensionati pubblici perché ovunque andiate lo stato vi tratta come se foste in Italia, cioè pensione al netto, dopo avervi tassato con le solite addizionali di ladroni, mentre i privati in alcuni paesi sono al lordo!!!

    Report

    Rispondi

  • Tiger75

    12 Gennaio 2016 - 18:06

    in Tunisia poi ti sgozzano

    Report

    Rispondi

  • Tippolo

    12 Gennaio 2016 - 14:02

    Non e' proprio cosi'... non piu'... il ristorante a 12 euro te lo sogni a meno che non vai al McDonald... la verita' e' che si sta saturando di italiani ... molti dei quali non si distinguono mlto per onesta' e che vivacchiano sfruttando proprio quelli che partono dall' italia pieni di illusioni e disinformazione: Non siamo nemmeno molto (non piu' ) amati... http://fuerteventuralimpia.blogspot.it/

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog