Cerca

Turchia

Istanbul, forte esplosione in centro: vittime

Istanbul, forte esplosione in centro: molti feriti

L’Isis torna a colpire la Turchia e stavolta nel cuore storico di Istanbul. Un kamikaze si è fatto esplodere nella centralissima piazza Sultanahmet, facendo strage di turisti: 10 i morti fra cui 9 tedeschi mentre i feriti sono 15. È stato lo stesso premier, Ahmet Davutoglu, a spiegare che l’attentatore era un membro dello Stato Islamico. Poco prima le autorità avevano parlato di un siriano di 28 anni, recentemente entrato in Turchia dal Paese di Bashar al-Assad. Sulla nazionalità del kamikaze, tuttavia, vi sono notizie
contrastanti: l’agenzia Dogan, ad esempio, ha invece riferito di un saudita di nome Nabil Fadli.

Il ’califfatò aveva già preso di mira la Turchia: secondo le autorità turche, miliziani vicini all’Isis sono i responsabili sia della strage di ottobre ad Ankara, costata la vita a oltre 100 persone, che dell’attentato di luglio a Suruc, che ha provocato 34 morti. Secondo una fonte ufficiale turca, 9 delle 10 vittime erano tedesche. Tra i feriti, vi sarebbero ancora 9 tedeschi e due peruviani. Davutoglu ha telefonato ad Anglea Merkel per esprimere le sue condoglianze. La cancelliera ha assicurato che questo attacco aumenta la determinazione tedesca a combattere il terrorismo. «Oggi ha colpito Istanbul, aveva colpito Parigi, aveva colpito la Tunisia, aveva già colpito Ankara», ha sottolineato la Merkel.

Anche il presidente turco, Recep Tayyp Erdogan, ha assicurato che «la Turchia continuerà a lottare finchè le organizzazioni terroristiche non saranno annientate». «Questo ulteriore gesto di cieca e insensata violenza non ci farà arretrare di fronte ai nemici della democrazia e della pacifica convivenza», ha osservato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Per il premier Matteo Renzi «l’attentato è una ferita fortissima a Istanbul» e occorre combattere «una battaglia durissima contro il terrorismo». 

È la prima volta che il terrore colpisce così direttamente il turismo - e i simboli - della Turchia. Erano le 10.20 quando
un’esplosione ha fatto tremare la celebre piazza dove si fronteggiano la basilica di Santa Sofia e la suggestiva Moschea
Blu. La deflagrazione è avvenuta vicino all’obelisco di Teodosio, così potente da essere udita nei quartieri circostanti. «La terra ha tremato e c’era un odore pesante che mi ha bruciato le narici», ha raccontato una turista tedesca. In un video diffuso dall’Agi si vedono il corpo dilaniato del kamikaze e altri cadaveri sull’isola pedonale in mezzo ai giardini della piazza. Berlino ha invitato i connazionali a evitare i luoghi turistici e gli assembramenti a Istanbul. I turisti tedeschi sono numerosissimi nella città sul Bosforo: nei primi 9 mesi del 2015 sono stati il 15% del totale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ben Frank

    Ben Frank

    12 Gennaio 2016 - 23:11

    Bravi pirla! Andate in ferie nei paesi islamici! Dai maomettani solo armati di fucile! Gli sta bene...

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    12 Gennaio 2016 - 12:12

    Complimenti! A forza di fare finta di niente siamo riusciti a far vincere il caos! Davvero straordinari i "presunti leaders" mondiali. Tutti a fare lo gnorri più dell'altro e l'insicurezza sta invadendo l'Europa. Forse la cifra che unisce i nostri governanti è l'incapacità, la viltà e la paura del "consenso". Ma così siamo tutti spacciati. La giungle è impietosa!

    Report

    Rispondi

  • enneesse

    enneesse

    12 Gennaio 2016 - 11:11

    grazie alla islamizzazione del"sultanetto" e del suo figlioccio "davutoğlu"

    Report

    Rispondi

  • nordest

    12 Gennaio 2016 - 10:10

    Scannatevi pure tra di voi per il bene dell umanità.

    Report

    Rispondi

blog