Cerca

Attacco in Indonesia

Attentato a Giacarta: morti e feriti

Attentato a Giacarta: morti e feriti

Una serie di esplosioni simili a quelle di Parigi del 13 novembre e un conflitto a fuoco hanno sconvolto, Giacarta, capitale dell'Indonesia. In un attacco multiplo in un centro commerciale e da Starbucks sono morte sette persone, tra cui cinque attentatori, e decine sono ferite, fra queste anche un olandese dipendente delle Nazioni Unite che si trova ora ricoverato in gravissime condizioni.

Il portavoce della polizia nazionale, il generale di brigata Anton Charliyan, ha riferito che "tre poliziotti sono stati coinvolti, uno di loro è stato ucciso e altri due sono rimasti feriti". La polizia indonesiana ha inoltre arrestato quattro sospetti militanti che si ritiene siano coinvolti nella sparatoria e negli attacchi bomba.

Il presidente indonesiano Joko Widodo ha condannato gli attacchi: "Lo stato e la gente non devono avere paura, non soccomberemo di fronte ad un attacco così atroce. Chiedo a tutta la popolazione di mantenere la calma, la situazione è sotto controllo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    14 Gennaio 2016 - 14:02

    Basterebbe che ogni razza e cultura stesse per i fatti suoi...

    Report

    Rispondi

  • burago426

    14 Gennaio 2016 - 10:10

    questa voglia di integrare i vari popoli, fregandosene che a molti non va. Cosa c'è di male ad essere uniti ognuno per il proprio conto? Se si porta progresso potrebbe andare bene, ma se si porta povertà, non va bene. Noi stiamo importando tanta ma tanta povertà, stima lavorando e paghiamo come se avessimo tutti 15 figli a testa.

    Report

    Rispondi

    • sempre-CDX

      14 Gennaio 2016 - 12:12

      Perfettamente d'accordo con te.

      Report

      Rispondi

  • vmannel

    14 Gennaio 2016 - 08:08

    mi ripeto : nessun posto al mondo è oramai sicuro. Chi lo ignora o tace per opportunità nel comunicarlo alla pubblica opinione è un criminale in malafede.

    Report

    Rispondi

blog