Cerca

La morte di Litvinenko

SCOPPIA LA CRISI INTERNAZIONALE Putin, l'accusa degli 007 inglesi. Il sospetto: omicidio di Stato

SCOPPIA LA CRISI INTERNAZIONALE Putin, l'accusa degli 007 inglesi. Il sospetto: omicidio di Stato

L'accusa contro Vladimir Putin è pesantissima. Secondo i servizi segreti britannici il presidente russo ha con ogni probabilità approvato l'omicidio del dissidente Alexander Litvinenko, ucciso a Londra nel 2006 con il polonio 210. È quanto si legge nelle conclusioni di un'indagine pubblica sulla morte di Litvinenko, rivelate oggi, giovedì 21 gennaio nel Parlamento britannico dal giudice Sir Robert Owen. Nella relazione di circa 300 pagine si legge che i due killer, Andrei Lugovoi e Dmitri Kovtun, hanno probabilmente agito sotto la direzione del servizio di intelligence di Mosca, l'Fsb, quando hanno avvelenato l'ex agente del Kgb, 43 anni, collaboratore dei servizi britannici, nel Millennium Hotel di Mayfair perché aveva cominciato a svelare le trame delle bande criminali russe e le loro protezioni al Cremlino.

Citando insieme a Putin anche l'allora capo dell'Fsb, Nikolai Patrushev, il giudice Owen ha scritto: "Tenendo in piena considerazione tutte le prove e le analisi per me disponibili ho concluso che l'operazione dell'Fsb per uccidere Litvinenko è stata probabilmente approvata da Patrushev e anche dal presidente Putin".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    21 Gennaio 2016 - 19:07

    dunque, quando c'era l'Unione Sovietica comunista, la morte di Litvinenko - che avvenne allora - non importava a nessuno (salvo a Guzzanti, che fu snobbato), ora che tirano fuori il nome di Putin "probabilmente" complice (allora), tutti si scandalizzano per fare un piacere a Nato e Usa

    Report

    Rispondi

  • iose

    21 Gennaio 2016 - 18:06

    proprio quelli che ne hanno fatto di tutti i colori negli ultimi 300 anni , hanno come sempre l arroganza di trinciare sentenze -Obama ringrazia. m v f c-

    Report

    Rispondi

  • alpaio

    21 Gennaio 2016 - 17:05

    Quello che a me sembra grave, è che una sentenza con la quale si conclude l'inchiesta sulla morte del povero Litvinenko,si concluda con un "forse, probabilmente".Ma non per assolvere magari qualcuno, bensì per accusare nientemeno che il capo dell'impero russo, detentore delle più micidiali armi atomiche e/o nucleari. Ho l'impressione che qui si stia giocando con le sorti del mondo.Irresponsabili.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    21 Gennaio 2016 - 16:04

    da questo punto di vista sai quanti morti hanno sulla coscienza qualsiasi Stato sparso per il mondo, iniziando dagli americani inglesi e via discorrendo? come pure la Russia, non sarà certo l'unica persona morta per ragion di Stato. Che vai a sottolineare, da che è mondo e mondo è stato sempre così e sarà sempre così. La spia è sempre al servizio di uno Stato, fa il suo lavoro, se sbaglia paga.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog