Cerca

La linea dura

La Svezia espellerà con voli charter fino a 80mila migranti. Salvini: "È la fine di Schengen"

La Svezia espellerà con voli charter fino a 80mila migranti. Salvini:

Secondo il leghista Matteo Salvini "questa è la fine di Schengen". La Svezia chiude la porta ai migranti: nel giorno dell'ennesimo naufragio nell'Egeo (almeno 24 morti, tra i quali 10 bambini), il governo di Stoccolma rende noto che espellerà tra le 60mila e le 80mila persone a cui ha negato la richiesta di asilo e li rispedirà a casa affittando voli charter (perché i voli commerciali usati abitualmente, dato il numero enorme non bastano più). Intanto un altro segnale di "chiusura" europea arriva dall'Olanda, che rispedirà in Turchia tutti i richiedenti asilo che arrivano in Grecia via mare in cambio di un piano di ingresso regolare in Europa per accogliere tra i 150mila e i 250mila rifugiati. Il Regno Unito invece ha reso noto che accoglierà i figli di
rifugiati che siano stati separati dalla loro famiglia a causa dei conflitti in Siria e in altri Paesi. In gergo si chiamano "minori non accompagnati". Londra ha chiesto all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati di "identificare le situazioni eccezionali nelle quali è meglio, nell'interesse dei minori, il loro trasferimento nel Regno Unito", ha fatto sapere il governo, precisando tuttavia che nella "grande maggioranza" dei casi è bene che rimangano vicino al loro Paese di origine con familiari. 

Dopo il massacro della volontaria - Il governo svedese ha chiesto a polizia e ufficio migranti che organizzino le espulsioni, ma i tempi non saranno brevi: "Ci vorrà tempo, forse anni", ha spiegato il ministro dell'Interno Anders Ygeman. Nel 2015 sono arrivati in Svezia circa 163mila richiedenti asilo, il numero più alto pro capite in Europa (e delle circa 58.800 richieste di asilo valutate lo scorso anno fu accettato il 55%). "Stiamo parlando di 60mila persone - ha spiegato il ministro - ma il numero potrebbe salire a 80mila". La decisione è la conferma delle difficoltà del governo svedese a gestire un così alto numero di migranti: in rapporto alla popolazione svedese, i 163mila rifugiati che hanno fatto richiesta di asilo in Svezia nel 2015 equivarrebbero a 1,3 milioni di persone in un Paese di 80 milioni di abitanti come la Germania (che ha ricevuto l'anno scorso 1,1 milioni di rifugiati). Il governo di Stoccolma ha annunciato la misura due giorni dopo l'uccisione di una 22enne, responsabile di un centro per minori stranieri alle porte di Goteborg, massacrata da un 15enne dopo un alterco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ariete84

    31 Gennaio 2016 - 14:02

    Questo si chiama reagire! Noi italiani siamo dei pusillanimi. Ormai ci conoscono in tutto il mondo e ridono.

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    31 Gennaio 2016 - 08:08

    la svezia non uccide nessuno, sono solo i primi ad aprire gli occhi, speriamo si svegliano anche altri.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    29 Gennaio 2016 - 12:12

    Dio volesse che fosse vero! Dovremo però deciderci a chiudere piuttosto le frontiere esterne ed allora potremo riaprire quelle tra gli stati membri.Come è adesso è una scelleratezza infame degna dei politici che ci governano.

    Report

    Rispondi

  • civimar

    29 Gennaio 2016 - 09:09

    La fine di Schengen sarà la fine dell'Italia. Noi non abbiamo frontiere difendibili, così saremo invasi dai profughi che non avranno più vie di sfogo verso l'Europa. Inutile continuare a blaterare con azioni impossibili come "affondiamo i barconi". Rischiamo di diventare un'altra Turchia. Salvini sei un imbecille !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti