Cerca

I documenti riservati

L'incredibile complotto della Cia contro Guareschi. Cos'hanno fatto gli americani a Peppone e don Camillo

L'incredibile complotto della Cia contro Guareschi. Cos'hanno fatto gli americani a Peppone e don Camillo

"Caro Owen, credo che siamo riusciti a lasciare fuori The Little World of don Camillo…". Inizia così la lettera datata 1953 che nasconde il complotto della Cia contro Gino Cervi e Fernandel, in corsa per il premio Oscar nei panni di Peppone e don Camillo, il duo ideato da Giovannino Guareschi. I documenti custoditi negli archivi della Cia, riporta il Giorno, sono ora a disposizione degli studiosi e mostrano questo intrigo da piena Guerra Fredda. 

La pellicola - Il film girato nella Bassa padana sbanca al botteghino: l'incasso è di un miliardo e mezzo di lire (cifra pazzesca per l'epoca). Nella versione americana Orson Welles presta la voce al Cristo in croce che, nella chiesa di Brescello, dialoga con Fernandel-don Camillo. E' destinato a correre agli Oscar nei film stranieri.

I servizi - Ma poi arriva l'ordine dei servizi americani: "Nella prima parte del 1953 un esecutivo della Paramount spedì una serie di relazioni alla Cia", spiega David Eldridge, docente universitario. Tutto ruota attorno a Luigi Luraschi, autore della lettera e referente della Cia nel mondo del cinema: "Mi sono mosso contro", scrive Luraschi. A non piacere è la coesistenza del sindaco comunista con il prete del paese. C'è la Guerra fredda e l'Oscar va al francese Giochi proibiti del regista René Clément.

Il figlio - "Sono convinto che sia vera la notizia dell'ingerenza della Cia per impedire l'assegnazione dell'Oscar al film Il mondo piccolo di don Camillo, ispirato alle storie di mio padre, anche per il fatto che da quando se n'è parlato, non è mai stata smentita", spiega Alberto Guareschi, figlio dello scrittore: "Comunque quello che conta sono i fatti, cioè che il film ancora oggi funziona molto bene, pur senza l'Oscar, e lo stesso vale per il mancato Nobel per la letteratura, visto che le opere di mio padre continuano a viaggiare nel mondo con grande successo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    30 Gennaio 2016 - 15:03

    Ilpremio Nobel ormai lo danno ai buffoni voltagabbana come Dario Fo o a Obama per il solo merito di essere abbronzato. A Giovannino l'hanno piu' che tributato i lettori.

    Report

    Rispondi

  • gigi primo

    30 Gennaio 2016 - 14:02

    Con tutto il 'casino' creato per Natale a questi novelli trinariciuti figli dei salotti intellettuali della capitale, non è venuto in mente di rileggersi 'La favola di Natale'!? . Certo che il comunismo mangia i bambini, li mantiene nell'ateismo totale e gli proibisce il mistero dell'anima e la fantasia!

    Report

    Rispondi

  • me nono

    30 Gennaio 2016 - 12:12

    L'Oscart continueremo a darlo tutti noi (non trinariciuti) vita natural durante.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    30 Gennaio 2016 - 12:12

    Se si pensa a come sono stati distribuiti gli ultimi Oscar o, peggio ancora, premi Nobel, di certe medaglie se ne può fare a meno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog