Cerca

Incubo Brexit

L'Inghilterra fuori dall'Europa: così Londra ha vinto la sua guerra

L'Inghilterra fuori dall'Europa: così Londra ha vinto la sua guerra

Bruxelles dà schiaffi all'Italia e contemporaneamente si inginocchia alla Gran Bretagna per scongiurare l'incubo della Brexit. Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha mandato ai capi di Stato e di governo dei 28 la sua proposta per un accordo con Londra rispondendo alle richieste presentate dal premier David Cameron con una concessione parziale sul welfare. "Mantenere l'unità dell'Unione europea è la più grande sfida per tutti noi e l'obiettivo chiave del mio mandato", premette Tusk, che
sottolinea di aver concesso quanto possibile senza però andare al di là dei principi fondatori dell'Unione. In particolare, la proposta concede a Londra la possibilità di frenare sulla concessione dei benefici sociali agli immigrati solo quando ci sono situazioni di emergenza a causa di numeri eccezionalmente alti che possono creare problemi al sistema di welfare. Di fatto, Londra potrà chiedere una frenata sui benefici previdenziali ai lavoratori Ue nei primi 4 anni di permanenza nel Paese, chiedendo però il permesso agli altri Stati membri.

Cameron: "Reali progressi" - L'Unione europea è dunque pronta a venire incontro alla richieste di sospensione dei servizi di welfare per gli immigrati, una delle condizioni poste dal premier britannico per rimanere al'interno dell'Ue. La misura, contenuta nelle proposte che saranno all'attenzione dei capi di Stato e di governo il 18 e 19 febbraio, propone su questo "un chiarimento nell'interpretazione delle regole correnti". Fonti Ue spiegano che su questo punto la Commissione europea proporrà un meccanismo di salvaguardia che permetta restrizioni in situazioni eccezionali, e lo stesso esecutivo comunitario proporrà un emendamento alle regole comunitarie per permettere agli Stati membri, sempre in casi eccezionali, l'introduzione di un diverso regime di benefici sociali per le famiglie. Cameron ha accolto la posizione dell'Ue favorevolmente: "Il documento sulla rinegoziazione Ue mostra un reale progresso in tutte le quattro aree in cui il Regno Unito ha proposto modifiche, ma c'è ancora lavoro da fare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mille

    mille

    22 Febbraio 2016 - 14:02

    Mi sembra che ormai questa Europa abbia dimostrato di essere stata un gran fallimento. Dobbiamo continuare a fare arricchire i tedeschi, o ricominciamo a sperare,.... Economicamente e moralmente lo dobbiamo alle nostre generazioni future.

    Report

    Rispondi

  • corti amelio

    03 Febbraio 2016 - 07:07

    io proporrei l'uscita dell'Italia dall'euro,il blocco dei clandestini e il loro rimpatrio forzato.Svalutazione della moneta (lira) sfruttando il basso costo del petrolio,per incentivare le esportazioni.Accordo con la Russia per una collaborazione economica e industriale....poi vediamo cosa fanno i burocrati UE.......

    Report

    Rispondi

    • mille

      mille

      22 Febbraio 2016 - 14:02

      Sono perfettamente d'accordo.

      Report

      Rispondi

  • nick2

    03 Febbraio 2016 - 07:07

    Lo sa, anonimo giornalista che gli italiani, negli ultimi anni, sono terzi per numero di arrivi in Inghilterra dopo rumeni e polacchi? Un taglio del welfare colpirebbe principalmente i nostri connazionali, non di certo i profughi. Comunque non illuda i suoi banana, l'Inghilterra non uscirà mai dalla UE e il referendum non si farà.

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      03 Febbraio 2016 - 09:09

      Ha parlato l'oracolo di Acerra.Se vuole fare concorrenza al mago Otelma si sbaglia di grosso.Meglio che porti a pisciare il cane.E lasci stare i pronostici.

      Report

      Rispondi

  • zefleone

    03 Febbraio 2016 - 06:06

    referendum e fuori dall'euro anche l'Italia.....forza italiani...credo che ormai calci nelle palle ne abbiamo presi anche troppi ......fuori andiamo fuori da questo carrozzone di merda

    Report

    Rispondi

blog