Cerca

Cairo

La tragica notizia dall'Egitto: cos'è successo allo studente italiano sparito

La tragica notizia dall'Egitto: cos'è successo allo studente italiano sparito

Giulio Regeni, lo studente italiano scomparso al Cairo dalla fine di gennaio è stato trovato morto in un fosso. Agghiaccianti i dettagli sulle condizioni in  cui è stato ritrovato il corpo. Secondo quanto scrive il sito del quotidiano Al Watan, sul cadavere del giovane italiano vi sarebbero dei "segni di tortura". Il giornale egiziano riporta la notizia del ritrovamento del "corpo di un giovane uomo di circa 30 anni, totalmente nudo nella parte inferiore, con tracce di tortura e ferite su tutto il corpo".  La procura di Giza ha aperto un'inchiesta. Non ci sono idee chiare sul possibile movente di quest'omicidio. La polizia parla di i"incidente stradale". Il sito del quotidiano  egiziano Youm 7, ipotizza quello criminale, ma non si esclude il movente "politico", addirittura si affaccia l'ipotesi che sia stato torturato e ucciso perché italiano. Il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, ha sospeso la sua visita in corso nella capitale egiziana. 

La reazione italiana -  "Su indicazione del ministro degli Affari  Esteri Paolo Gentiloni, il Segretario Generale della Farnesina Michele Valensise ha convocato stamane con urgenza l’Ambasciatore della Repubblica Araba d’Egitto Amr Mostafa Kamal Helmy per esprimere lo sconcerto del Governo italiano per la tragica morte del giovane Giulio Regeni al Cairo".. È quanto si legge in un comunicato della Farnesina. "Valensise ha sottolineato che l’Italia si attende dalleautorità egiziane la massima collaborazione a tutti i livelli, alla luce della eccezionale gravità di quanto accaduto al nostro connazionale e dei tradizionali rapporti di amicizia e vicinanza tra i due Paesi. L’Italia - ha aggiunto il Segretario Generale - nel chiedere che sia fatta piena chiarezza sul caso, rinnova la richiesta alle autorità egiziane di avviare immediatamente un’indagine congiunta con la partecipazione di esperti italiani. Chiediamo - ha concluso Valensise - che il corpo del giovane Regeni sia al più presto rimpatriato in  Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini1904

    04 Febbraio 2016 - 17:05

    Torturato perché italiano? Mi sembra improbabile visto che a noi nel mondo non ci fila nessuno. Piuttosto guardate bene la foto col gattino. Non vi viene nessun sospetto?

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    04 Febbraio 2016 - 15:03

    Una persona "normale" non va da solo in un paese arabo. probabilmente avra' cercato un approccio sessuale con ragazzi egiziani che lo hanno denudato e poi ucciso.

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    04 Febbraio 2016 - 12:12

    Questo è il grazie, non mi sorprende per niente, quello che fa il nostro governo è solo scena anche perché mi torna difficile pensare che le aurorita egiziane possano fare qualcosa. La polizia egiziana e molto simile alla nostrana mi ricorda un marocchino che aveva sul groppone sei anni di carcere mai scontati anzi girava libero, e poi ha ucciso un barista.

    Report

    Rispondi

    • emo

      04 Febbraio 2016 - 16:04

      Yossi anche tu fai bene il paio con allecarlo, evidentemente le vostre menti hanno dei limiti molto stretti.

      Report

      Rispondi

  • allecarlo

    04 Febbraio 2016 - 11:11

    Certa gente se le va proprio a cercare... Non sarà esistito un posto migliore e più sicuro per svolgere una ricerca o una tesi?? D'altra parte se uno a 30 anni è ancora studente qualche problema deve esserci...

    Report

    Rispondi

    • emo

      04 Febbraio 2016 - 13:01

      allecarlo sei proprio un gran pezzo di merda, ed i problemi li hai tu e molti purtroppo per te che evidenzi una intelligenza simile a quella di un deficiente cronico. cosa cz vuol dire se uno fa il dottorato a 28 anni, cosa cz ti fa pensare con quel cervello da pirla che ti ritrovi che abbia dei problemi? tu certamente un dottorato a Cambridge non riusciresti a farlo neppure a 150 anni. CURATI

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog