Cerca

Addio fraulein

Merkel, nuova poltrona. Angela farà la fine di Prodi: il piano (segreto) di Renzi

Merkel, nuova poltrona. Angela farà la fine di Prodi: il piano (segreto) di Renzi

Da un lato Matteo Renzi sembra litigare ogni giorno con i vertici dell'Unione europea, dal presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker alla cancelliera tedesca Angela Merkel, dall'altra lavora dietro le quinte per serrare i ranghi degli europarlamentari italiani, non solo Pd, per portarli verso una strategia comune con il governo italiano. Scrive il Fatto quotidiano che appena ieri è stato mandato in missione a Strasburgo il fedelissimo Sandro Gozi, sottosegretario agli Affari europei, per mettere in riga i parlamentari europei italiani sull'obiettivo comune di prendere la clausola migranti come la vuole l'Italia, a prescindere delle richieste europee. Ma le continue bordate ai palazzi europei nasconderebbero un obiettivo ben più ambizioso per il presidente del Consiglio, mettendo nel mirino proprio Juncker. L'ex premier lussemburghese potrebbe saltare subito o al massimo essere sostituito fra un anno, quando saranno rinnovate le cariche. Il rumore dei coltelli che si affilano si sta facendo sempre più forte tra i renziani che sperano di poter incidere sulla prossima scelta, magari imponendo un nome pesantissimo come quello della Merkel. Il prossimo anno ci saranno le elezioni in Germania e un paracadute politico sicuro per la cancelliera sarebbe un'offerta difficile da rifiutare, considerando che i sondaggi non la danno tra i favoriti. Il disegno renziano avrebbe anche dei punti di contatto con le speranze dei vertici dei partiti tedeschi, impazienti di spedire un po' più lontano da Berlino la Merkel, un po' come successo con Romano Prodi più di 15 anni fa. Qualche indizio che il piano sia più che una supposizione arriva dalle dichiarazioni di Daniele Viotti, tra gli ultimi arrivati nella ristretta cerchia di fedelissimi renziani: "Siamo sicuri che il vero obiettivo di Weber non sia il premier Renzi, ma la Commissione Ue e Jean Claude Juncker?". Il segnale è sembrato chiaro, talmente chiaro che la prima reazione del blocco monolitico socialista ha risposto come un sol uomo con Gianni Pittella, Simona Bonafè e Patrizia Toja. Ma un gesto del capo potrebbe riportare tutti a più miti consigli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    04 Febbraio 2016 - 07:07

    Col la merkel alla commissione europea si completa il disegno del IV Reich. Benvenuti in cruccolandia...

    Report

    Rispondi

  • gescon

    03 Febbraio 2016 - 22:10

    E questo se ha un piano segreto lo pubblica ? Ma quale piano può avere uno come quello

    Report

    Rispondi

  • gescon

    03 Febbraio 2016 - 22:10

    E questo se ha un piano segreto lo pubblica ? Ma quale piano può avere uno come quello

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    03 Febbraio 2016 - 22:10

    Il piano segreto di Frottolo per fare cadere la merkel?Se fa ancora il furbo gli arriva nu mappine ca a capa prennefuuooghe.

    Report

    Rispondi

blog