Cerca

Dopo le violenze

Altre ventidue violenze a Colonia:
fermato profugo afghano

Un'altra violenza a Colonia:fermato profugo afghano

Ancora violenze su una donna. Ancora in Germania, a Colonia. A dare la notizia è il quotidiano tedesco Bild che dà anche la notizia dell'arresto di un profugo afghano accusato di violenze sulla donna di 22 anni. Proprio ieri migliaia di donne si erano date appuntamento per l’inizio del Carnevale di strada e protestare dopo le violenze di Capodanno, che in Germania hanno aperto un dibattito sulla difficoltà di integrare i rifugiati. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franzkeks

    06 Febbraio 2016 - 12:12

    Quel cartello con su scritto " Contro il sessismo e il razzismo" dimostra la vigliaccheria delle dimostranti femministe, che invece di prendersela con i profughi afroislamici, con i pachistani e gli afgani, manifestano contro la "destra razzista", contro gli uomini occidentali innocui e le vigliacche tacciono sugli invasori islamici stupratori.

    Report

    Rispondi

  • mab

    06 Febbraio 2016 - 09:09

    Cari tedeschi, ringraziate la culona inch. & co. - anche voi avete tumori al comando.

    Report

    Rispondi

  • soter66

    05 Febbraio 2016 - 17:05

    Lo vaete voluti i musulmani ? Adesso teneteveli.

    Report

    Rispondi

    • Ben Frank

      Ben Frank

      06 Febbraio 2016 - 08:08

      I maomettani non li hanno voluti i tedeschi, ma certi politici e gruppi economici tedeschi; il popolo tedesco li deve subire come una peste, similmente a quanto succede in Italia. Ma 'o sà huanto me rendeno li rifuggiati? Me fanno fà chiù sordi che 'a droga!

      Report

      Rispondi

  • ampar

    05 Febbraio 2016 - 16:04

    gli uomini tedeschi dove sono finiti! prendete i clandestini e fateli fuori

    Report

    Rispondi

    • Ben Frank

      Ben Frank

      06 Febbraio 2016 - 08:08

      Caro Ampar, gli uomini tedeschi sono là dove stanno gli italiani, quando in Italia, quotidianamente, vengono violentate donne, malmenati e rapinati anziani, provocati incidenti mortali, tutto ciò nella grande maggioranza dei casi da clandestini più o meno ubriachi e pluricondannati. E allora dove sono gli "uomini" italiani? A farsi "li kazza sua"? A manifestare per il frociomatrimonio? A trans?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog