Cerca

L'analisi

Capuozzo, la verità sull'omicidio di Giulio: "Vi dico io chi può averlo ucciso"

Toni Capuozzo

Non è stato un omicidio di Stato, il colpevole va cercato negli ambienti fondamentalisti. Sull' omicidio di Giulio Regeni, il giornalista Toni Capuozzo ha una tesi ben precisa. «La mia», spiega, «è una conclusione logica: il regime non aveva interesse a compiere questa uccisione. Sapremo mai la verità? Dipende da quanto la cercheremo. Ma siamo pur sempre il Paese che lascia due soldati all' India per quattro anni...». La morte di Giulio Regeni è ricca di lati oscuri.

Quante possibilità ci sono di arrivare alla verità, secondo lei?
«Io credo che al-Sisi abbia tutto l' interesse a collaborare. L' Egitto ha bisogno del sostegno occidentale, è lo Stato che riceve maggiori armamenti dagli americani. Se Regeni è stato attenzionato da ambienti dissidenti, il regime avrà tutto l' interesse a far luce sulla vicenda. Ovviamente il fatto che la verità venga a galla dipende molto da quanto la si cerca».

Insomma, dipende più dall' Italia che dall' Egitto?
«Sì, dipende da quanto l' Italia investirà in questa ricerca della verità. In fin dei conti abbiamo scoperto chi c' era dietro alcuni rapimenti avvenuti in Siria, che è un teatro di guerra, possiamo scoprire la verità anche su questo omicidio, se vogliamo. Certo, l' Italia è lo Stato che ha lasciato per quattro anni due suoi soldati nelle mani della giustizia indiana...».

Perché è convinto che gli autori dell' omicidio vadano cercati negli ambienti fondamentalisti?
«La mia è una conclusione logica, ovviamente non ho alcuna informazione supplementare su questo caso. Penso solo che i più imbarazzati di tutti, per questo omicidio, siano i funzionari del regime. Mi sembra improbabile che sia stato un omicidio di Stato».

In base a cosa lo dice?
«Vede, qualche giorno fa le autorità egiziane hanno arrestato un vignettista molto noto, nel Paese. Evidentemente le autorità avevano un conto da regolare con questa persona. Dopo qualche giorno, tuttavia, è stato rilasciato. Perché uno studente di 28 anni doveva rappresentare una minaccia maggiore?».

Forse per il suo impegno giornalistico, politico e sindacale.
«Sono problemi che l' Egitto poteva risolvere con un visto negato o un' espulsione. Francamente il regime mi sembra abbastanza solido da non essere messo in discussione da Giulio Regeni. No, credo che i colpevoli vadano ricercati altrove».

Dove?
«I dettagli dell' omicidio raccontano di un interrogatorio condotto con odio e volontà punitiva. Mi pare più probabile che alcuni gruppi organici ai Fratelli musulmani o comunque all' opposizione fondamentalista ad al-Sisi lo abbiano scambiato per una spia.
Giulio era un occidentale, frequentava l' università americana, faceva domande in giro: evidentemente qualcuno lo ha scambiato per ciò che non era e lo ha interrogato, torturandolo, affinché confessasse cose che in realtà non sapeva.
Poi l' ha lasciato in condizioni tali da imbarazzare il regime. Viceversa, anche il peggiore squadrone della morte al servizio di al-Sisi lo avrebbe fatto sparire senza lasciare tracce».

Anche qualche organo di stampa italiano ha ipotizzato rapporti fra il ragazzo e l' intelligence, tant' è che i nostri servizi hanno dovuto smentire ogni legame. Lei che ne pensa di queste teorie del complotto?
«Francamente troverei preoccupante se la nostra intelligence dovesse affidarsi a uno studente di 28 anni.
Mi sembrano ipotesi del tutto campate in aria».

Altri hanno mosso l' obiezione opposta: si tratterebbe del solito italiano ingenuo che va in giro per il mondo senza valutare i rischi. È d' accordo?
«Io penso che l' ingenuità non sia una colpa. Intanto spesso l' ingenuità si accompagna all' innocenza. E poi anche certi giornalisti che cadono nelle mani di bande terroristiche sono stati "ingenui" nel valutare questo o quel contatto, questa o quella situazione. E parliamo di persone forse più avvertite ed esperte di Regeni. Il quale, peraltro, aveva espresso perplessità e timori sulla propria incolumità, sia pur senza entrare nel dettaglio di quale fosse il pericolo che più temeva. Lui era uno studioso, purtroppo ci sono luoghi in cui anche la curiosità scientifica può essere mal vista. C' è stata ingenuità? Probabilmente sì, ma come ce n' è stata nei casi dei rapimenti in teatri di guerra dei giornalisti Mastrogiacomo o Quirico».

Adriano Scianca

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pipposcopa

    07 Febbraio 2016 - 17:05

    caro Capuozzo , un Ufficiale dell' Esercito Italiano, o dei Carabinieri , della Guardia di Finanza, un Funzionario di Polizia con qualifica di Commissario hanno l'età media di 26/ 28 anni con tanto di gradi di Capitano......evidentemente tutti questi Capitani di 28 anni secondo il tuo parametro non sarebbero affidabili.

    Report

    Rispondi

  • adelesecchi

    07 Febbraio 2016 - 15:03

    E' sempre una tragedia la morte di un giovane, bisogna aspettare la verità senza fare ipotesi.

    Report

    Rispondi

  • LorisLignarius

    07 Febbraio 2016 - 07:07

    Tanto rumore per nulla! Purtroppo abbiamo una scorta illimitata di "compagni" scassambrella. potremo accordarci con gli egiziani perché effettuino anche sul suolo italico, una pulizia accurata.

    Report

    Rispondi

  • doberman

    07 Febbraio 2016 - 00:12

    In questi periodi è molto pericoloso per gli occidentali frequentare posti del genere e , ancor più se vengono svolte attività che rendono la persona più esposta ai maleintenzionati .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog