Cerca

Le presidenziali americane

Primarie a sorpresa in New Hampshire: umiliata Hillary Clinton, trionfa Trump

Primarie a sorpresa in New Hampshire: umiliata Hillary Clinton, trionfa Trump

Sorpresa in New Hampshire dove hanno vinto, sia per i Repubblicani, che per i Democratici, i due outsider Donald Trump e Bernie Sanders. Per il secondo appuntamento delle primarie per le presidenziali Usa il miliardario repubblicano si è imposto con un ampio margine sulla novità, il governatore dell'Ohio John Kasich. Con circa il 70% dei voti scrutinati, Trump si attesta intorno al 34%, e Kasich intorno al 16. Terzo, il senatore ultraconservatore del Texas Ted Cruz con il 12%, mentre l'ex governatore della Florida Jeb Bush si attesterebbe all'11. Ma l'affermazione più eclatante è quella del candidato "socialista" democratico Sanders, che infligge a Hillary Clinton un distacco intorno ai 20 punti: 59% contro il 38%, con gli scrutini ancora in corso.

Nonostante le sostanziali differenze ideologiche, Trump e Sanders sono uniti da un elemento fondamentale: il rifiuto del sistema attuale e un modo di fare politica che rompe gli schemi della tradizione, distante dai grandi donatori e dagli apparati dei partiti. Per la Clinton la batosta era nell'aria. Da qualche mese ormai i sondaggi davano per favorito il 74enne senatore del Vermont e i risultati del vicino piccolo stato del New England non hanno tradito le attese. L'appeal di Sanders sui giovani sembra aumentare e ora la Clinton punta molto sui prossimi due appuntamenti, in Nevada e nel South Carolina, dove potrebbe essere decisivo per l'ec first lady il sostegno degli afroamericani edegli ispanici.
In casa repubblicana spicca l'umiliazione di Marco Rubio, che non è riuscito ad andare oltre il quinto posto, a fronte dell'ascesa di Kasich, che a questo punto potrebbe conquistare i sostenitori più tradizionalisti che non tollerano gli estremismi di Trump.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zydeco

    10 Febbraio 2016 - 15:03

    Chiunque piuttosto che Hilary. Non si puo' avere come presidente una persona che ha fatto della menzogna il suo credo e la sua carriera. Io considero Trump una grande opportunita' per uscire da un sistema fatto di imbrogli e interscambio di favori. E' ora di pensare a cosa e' bene per l'America e gli americani e non per cosa e' bene per il sistema.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    10 Febbraio 2016 - 12:12

    IL destino è già scritto. Trump negli USA Salvini in Italia e Marine Le Pen in Francia questi saranno i prossimi eletti che governeranno i loro paesi, e ne vedremo delle belle.............

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      10 Febbraio 2016 - 16:04

      si potrebbe rispondere: come è bello sognare........ma questi sono degli incubi! Miraldo: ma cosa dice?

      Report

      Rispondi

  • mab

    10 Febbraio 2016 - 10:10

    Lei , il marito e la figlia : gente senza vergogna

    Report

    Rispondi

blog