Cerca

Il colloquio

La telefonata definitiva tra Obama e Putin:
ecco cosa si sono detti, il loro piano

La telefonata definitiva tra Obama e Putin:ecco cosa si sono detti, il loro piano

Il presidente russo, Vladimir Putin, e quello americano, Barack Obama, sono concordi sulla necessità di intensificare lo sforzo diplomatico e la collaborazione per applicare l’accordo sulla Siria siglato a Monaco: lo ha reso noto il Cremlino al termine di un colloquio telefonico tra i due leader. L’accordo di Monaco prevede una temporanea cessazione delle ostilità in Siria, una pausa delle armi che dovrebbe cominciare a breve.  Al termine della telefonata fatta da Obama a Putin, il Cremlino ha aggiunto che il colloquio è stato franco  e che entrambi hanno dato «una positiva valutazione delle discussioni tra Usa, Russia e i principali alleati sulla Siria, avvenute a Monaco; e hanno espresso sostegno allo sforzo per arrivare alla tregua e affrontare gli aspetti umanitari della crisi. Entrambi hanno inoltre sottolineato l’urgenza di rafforzare i contatti tra i vertici militari dei due Paesi per combattere l’Isis e le altre
organizzazioni terroristiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxdemax

    maxdemax

    15 Febbraio 2016 - 12:12

    Ho -- i Russi stanno vincendo la guerra contro l'ISIS.. e abra cadabra - Obama parla di pace e cessate il fuoco. Peccato che sono stati loro a finanziare i ribelli contro il governo di Assad legitimamente in carica. Il problema è il controllo del petrolio e gas.. tutto il resto =propaganda

    Report

    Rispondi

  • Baliano

    Baliano

    15 Febbraio 2016 - 10:10

    "accordo" vuoto. La Turchia, membro NATO, supera con qualche "carro" i confini con la Siria, Stato sovrano e il patatrak è servito. Provano ad incastrare con ogni mezzo Putin, con quali esiti è da vedere. Obama è più infido di un crotalo con l'IS e i suoi tagiagole, la Turchia addirittura ci fa affari e i Sauditi, amiconi di Obama, lo finanziano sottobanco: inevitabilmente finirà male.

    Report

    Rispondi

blog