Cerca

Patto con il Diavolo

L'alleanza con i terroristi islamici. Putin conferma: "Che cosa voglio"

Vladimir Putin

La Russia, dopo le guerre di 1979 e 1989, torna in Afghanistan. L'uomo chiave della missione di Mosca in un territorio ostile è Zamir Nabiyevich Kabulov, ex agente del Kgb, fedelissimo di Vladimir Putin, uno dei pochissimi stranieri ad aver incontrato il Mullah Omar, una ventina di anni fa e per uno scambio di prigionieri. Putin, in Afghanistan, ricalca la strategia che copre in Siria: occupare gli spazi lasciati liberi dalle incertezze dell'Occidente. Due gli obiettivi: frenare l'avanzata dell'Isis e manomettere le operazioni di Usa e Nato. Ed in questo contesto, dove l'obiettivo primario è fermare lo Stato Islamico, come sottolinea il Corriere della Sera anche i talebani, per i russi, sono un alleato: considerano infatti l'Isis un nemico. Fantasie? No, la conferma arriva da Mosca: "I loro interessi - spiega il Cremlino - coincidono con i nostri. Abbiamo aperto dei canali per scambiare informazioni". Una sorta di patto col Diavolo, quello di Putin, pronto a una sinergia circoscritta con i talebani pur di far fuori le squadracce Isis del sedicente Califfo al-Baghdadi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • insorgi

    17 Febbraio 2016 - 13:01

    Timori Oven, al liceo scientifico hanno bisogno di uno che pulisce le aule?

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    17 Febbraio 2016 - 10:10

    Eh, ma attenzione a non commettere l'errore degli americani, Il taleb non è molto diverso dal calif, quindi ricordarsi di gettarlo dopo l'uso.

    Report

    Rispondi

blog