Cerca

Tensione sul Pacifico

Missili pronti sugli atolli, la Cina vuole rispondere agli USA

Missili pronti sugli atolli, la Cina vuole rispondere agli USA

Un'altra mossa della Cina che fa tremare il mondo. La tensione con gli Stati Uniti si fa sempre più alta. Immagini satellitari statunitensi hanno mostrato un importante dispiegamento di forze da parte della Cina. In particolare, segnala il Corriere della Sera, ha colpito il piazzamento di missili antiaereo HQ-9 Hongqi su una spiaggia nell'atollo di Woody, nelle Isole Parcels. Questo arcipelago era già stato soggetto di attenzioni poche settimane fa al causa del transito, riscontrato dalle forze militari cinesi, di una nave da guerra degli Stati Uniti d'America. 

Da quel momento tanta tensione tra Washington e Pechino, aggressiva nella sua politica estera e nelle intenzioni. Il piazzamento di questi missili, sempre secondo il Corriere, potrebbe essere solo la prima mossa del governo cinese: nel caso navi a stelle e strisce non dovessero lasciare le zone il clima potrebbe surriscaldarsi ulteriormente portando all'installazione di missili antinave e successivamente ad una irreversibile crisi. 

Difficile valutare le reazioni statunitensi: lasciare che la Cina si prenda il Pacifico senza combattere o provare ad arginare l'aggressività nell'area per preservare lo l'ordine del pacifico. Un equilibrio delicato che potrebbe avere conseguenze importanti anche sulla Borsa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    20 Febbraio 2016 - 10:10

    La Cina è un Paese arrogante. Sta provando le forze per poter continuare, se la risposta USA fosse debole, a colonizzare le altre isolette e appropiarsi del mar Cinese meridionale. E' un subdolo atto di forza e contnuerà se nessuno la ferma. I comunisti sono falsi e bugiardi. Obama è il peggior presidente degli USA in buona compagnia con Carter.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    19 Febbraio 2016 - 19:07

    ciò che sta succedendo nel mondo è colpa degli Usa. La Russia minacciata nei suoi confini dalla Nato. La Russia in soccorso al suo amico Assad dopo la destabilizzazione della Siria dovuta dagli Usa La Russia lasciata sola a risolvere la questione dell'Isis. Putin chiede aiuto al suo grande amico la Cina, Allora la Cina riscopre il contenzioso con gli Usa, scopo fermare l'imperialismo Usa.

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    19 Febbraio 2016 - 18:06

    Eppure tutte le stupidaggini dalla mente delle persone sono sempre state tolte da guerre o pestilenze e altro di tragico , finivano i problemi oggi importati tipo nozze gay , migranti , tasse e tasse , assenteisti del cartellino , politici affamati , dopo lo sconquasso ogni stupidaggine spariva, ma oggi sarebbe una vera carneficina totale eppure dai e dai ci caschiamo sicuramente

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    19 Febbraio 2016 - 18:06

    Macchè 3 guerra mondiale...Con i casini interni che ha la Cina gli usa attiveranno il sistema finanziario planetario per farla crollare.Gia' hanno avuto 3 svalutazioni dello Yen,la loro economia sta rallentando e per fare la guerra ci vogliono i soldi.Scommettiamo che gli usa faranno esplodere la bolla immobiliare cinese?Se hanno fatto cadere l'Urss faranno imbelinare anche loro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti