Cerca

L'accordo

Londra trova l'accordo con l'Ue: Brexit scongiurata : l'accordo

Londra trova l'accordo con l'Ue: Brexit scongiurata : l'accordo

Tecnicamente il quadro è semplice. Bruxelles ha deciso: «Accordo fatto tra la Gran Bretagna e l' Ue, il teatro è finito», scrive su Twitter la presidente della Lituania Dalia Grybauskaite. «L' accordo raggiunto dai leader Ue per la permanenza del Regno Unito nell' Unione è un buon compromesso», conferma il premier ceco Bohuslav Sobotk. Insomma, l' Europa così come la conosciamo è salva? Forse il «dramma» è superato. Con tanto di giallo. «Ancora non c' è accordo alla "cena all' inglese" tra Ue e Gran Bretagna», scrive il portavoce del presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, su Twitter, gelando tutti. È l' Europa, bellezza. Quella delle 28 teste e presidenze, e dei cinguettii prima e dopo l' ufficialità. Alla fine tutto finisce bene: «L' accordo c' è», twuitta Tusk smentendo il suo portavoce. Ora la Gran Bretagna potrà attivare per 7 anni il cosiddetto «freno d' emergenza» per l' accesso dei benefici al Welfare. Nel testo dell' accordo con la Ue, dopo oltre 24 ore di negoziato, è precisato che la limitazione si applicherà «a tutti i lavoratori nuovi arrivati per un periodo di 7 anni». L' accesso ai benefici è graduale nell' arco di quattro anni. La richiesta di Cameron era di 7 anni, rinnovabili per due periodi di 3 anni ciascuno. A Bruxelles si ride e si cena, ma in Gran Bretagna no. A Londra gli schieramenti contrapposti già affilano le armi in vista del referendum sulla permanenza del Paese nel Club dei 28. Per scongiurare questo rischio, negli ultimi sette mesi, Bruxelles ha intavolato una trattativa per vedere se si poteva concedere qualcosa a Londra, che potesse convincere i britannici a restare, e a votare per la permanenza nella Ue al referendum voluto dal premier David Cameron: «Ora posso raccomandare di votare per la permanenza». Nella perfida «Albione», intanto, la partita ha tutt' altro sapore. Da un lato ci sono gli euroscettici, dentro e fuori il partito del primo ministro, che attaccano a prescindere quello che è destinato a essere inevitabilmente un compromesso. Dall' altro lato della barricata «i signori della City», la stampa inglese parla addirittura di 80 «capitani» delle maggiori 100 aziende quotate in Borsa a Londra, i quali fanno sapere ancor prima dell' epilogo delle trattative in terra belga che nessun successo d' immagine preteso da Cameron vale ai loro occhi il futuro del regno in Europa. Insomma, la politica può fare ciò che vuole, ma gli affari seguono altre logiche, altri percorsi.
Anche perché l' accordo tra Ue e Gran Bretagna entrerà in vigore solo quando il governo britannico comunicherà che il referendum avrà confermato la volontà di restare nella Ue. Nel testo dell' accordo è scritto che l' intero pacchetto di accordi, in caso contrario, «cesserà di esistere». Il premier conservatore, che per sabato ha convato il consiglio dei ministri (il 23 giugno se tutto andrà bene si gli inglesi voteranno l' accordo), può contare sul sostegno di una sessantina di parlamentari che, sulla fiducia, gli attribuiscono il merito di aver riportato a casa, per la prima volta negli ultimi 25 anni, almeno qualche spicchio di potere nazionale nel valzer degli equilibri con Bruxelles. «Ho negoziato un accordo per dare lo status speciale del Regno Unito nella Ue. Lo raccomanderò al governo domani, (oggi, ndr)», sostiene su Twitter il premier britannico. Ma in seno al gabinetto la fronda attribuita al titolare dei Rapporti con il Parlamento, Chris Grayling, e a quello del Lavoro, Ian Duncan Smith, sembra poter conquistare a sorpresa anche il ministro della Giustizia, Michael Gove: un pezzo da novanta, sempre leale a Cameron.
Oltre le beghe del governo, il fronte euroscettico deciso a dare battaglia è peraltro ben più ampio. «Se l' accordo al ribasso accettato da Cameron ha trovato tante resistenze a Bruxelles, immaginate quante possibilità abbiamo di recuperare davvero la sovranità su punti sostanziali come il controllo dei confini», tuona alla Bbc Steve Woolfe, eurodeputato dell' Ukip di Nigel Farage.
riproduzione riservataCameron: «Ma voglio uno status speciale. 

Enrico Paoli 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il Popolo

    20 Febbraio 2016 - 16:04

    ...segue. Si risolve stabilendo cosa determina il valore della moneta circolante visto che nessun stato ha oro pari al valore della moneta circolante avendo creato moneta virtuale (i titoli tossici) per inflazionare il Pil altra troiata. Altro assurdo si deve cresce sempre ma stabilizzare e consolidare fa schifo... Buona giornata

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Febbraio 2016 - 15:03

    Bene! In tutto ciò vorrei sapere, in questi anni, cosa i vari governi nazionali, non ultimo quello dell'innovatore/rottamatore hanno portato a casa. Gli accordi che la UE, ovvero la Germania, fa con altri paesi, sono solo a suo uso e consumo. Alla Merkel, così come alla Germania intera, importa una fava della UE la UE sono loro. Certo, Matteo ci racconterà una favola diversa, ma la realtà è questa

    Report

    Rispondi

    • Il Popolo

      20 Febbraio 2016 - 16:04

      Chiediamo alla Germania dove ha nascosto il debito pubblico. Andiamo a vedere nelle LandesBank o nelle Sparkassen...... e ci divertiremo (leggere: Le banche di proprietà pubblica sono state fondamentali per il finanziamento del "miracolo economico" della Germania dopo le devastazioni della Seconda Guerra Mondiale. ) come la mettiamo

      Report

      Rispondi

  • ivmanara

    20 Febbraio 2016 - 15:03

    speriamo che escano e vadano fuori da questa europa (ma che razza di europa !!!!!!!), invece di fare concessioni economici a chi annaspa, vedi Grecia, facciamo concessioni economiche a questi mortaccioni di inglesi che sanno solo sfruttare il lavoro dei loro simili.

    Report

    Rispondi

  • Il Popolo

    20 Febbraio 2016 - 11:11

    Gli Inglesi fanno i cazzi loro, i Tedeschi comandano, I francesi sono "Prima noi poi gli altri" l'Est chiude, l'Austria se ne fotte di Bruxelles e Udite Udite.... l'Italia ha Renzi, un bulletto che si mette a 90 gradi pensando di dire cose intelligenti e subiamo di tutto. Io sono europeista ma non di questa Europa. O cambia in modo federale o è meglio uscire dal pantano ricostituendo il MEC.

    Report

    Rispondi

    • micael44

      20 Febbraio 2016 - 14:02

      @Il Popolo@ - Lei mi ha rubato (scherzo) il commento! Purtroppo per noi europei la parola "FEDERAZIONE" è una specie di peccato mortale! Eppure esempi fulgidi di unioni confederate ce ne sono in tutto il mondo e con alcune di esse abbiamo contatti tutti i giorni: USA e SVIZZERA! Sapete chi non vuole una Europa confederata? Proprio gli USA e la SVIZZERA! Costituiremmo per loro una seria minaccia!!!

      Report

      Rispondi

      • Il Popolo

        20 Febbraio 2016 - 16:04

        @micael44 - Contento di aver "rubato" il commento e allora esageriamo e buttiamo giù questa Europa. Perché abbiamo la moneta senza una banca e un governo? Perché è arrivato Monti (disastro Italico) la risposta è che i cosiddetti virtuosi hanno in corpo i titoli tossici e la finanza tiene per le palle i governi. E la gente paga vedi Grecia, Spagna ecc. segue----

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog