Cerca

Con il coltello alla gola

Le prove: così fu ricattato Varoufakis. Le minacce mortali della Merkel

Le prove: così fu ricattato Varoufakis. Le minacce mortali della Merkel

Da quando la politica greca lo ha letteralmente trombato, l'ex ministro delle finanze di Atene Yanis Varoufakis ha deciso di lanciare il suo ricco piano B, con una piattaforma transnazionale anti austerità, e soprattutto un tour di conferenze e interviste pagate a peso d'oro. Con il premier greco Alexis Tsipras, Varoufakis è ormai ai ferri corti. Ma come sia riuscito a passare da una così solida amicizia e alleanza politica a rottura senza appello, lo chiarisce con un retroscena inquietante l'ex portavoce di Varoufakis, Dimitris Yannapoulos al Giorno.

L'addio - Il vero allontanamento di Varoufakis non sarebbe avvenuto a luglio, dopo il referendum sulle condizioni delle Troika imposte ad Atene. Secondo Yannapoulos il vero fallimento dell'ex ministro risale ai giorni fra il 20 e il 24 febbraio 2015: "Ha negoziato per quattro mesi con la Troika sapendo che non avrebbe ottenuto niente, mentre l'economia si stava disintegrando. Il 25 giugno, alla fine delle proroga dei quattro mesi, la Troika ha dato l'ultimatum: accettare il piano o uscire dall'euro. Tsipras ha deciso di andare al referendum, con le banche chiuse. Lui e Varoufakis speravano di perderlo e di dimettersi con dignità". L'esito non è stato quello sperato, così a dimettersi è stato solo Varoufakis, ma non così spontaneamente come si può immaginare: "Gli fu ordinato di dimettersi da Berlino quella notte - dice l'ex portavoce - altrimenti la Merkel avrebbe parlato con Tsipras di alcun 'compromessoì e avrebbe fatto fallire la Grecia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franzkeks

    24 Febbraio 2016 - 11:11

    Ricatti e minacce ai comunisti greci a fior di miliardi da parte della Merkel. Noi contribuenti tedeschi abbiamo dato finora ai parassiti greci, fannulloni di nascita, 92 miliardi di euro. No, la Merkel ricatta e minaccia noi contribuenti onesti: se non pagate l'Europa va in fumo. E noi paghiamo.

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    23 Febbraio 2016 - 17:05

    Ma la chiamiamo ancora Europa da salvare? Europa dei popoli? Penso sia ora che, per buon gusto, la facciamo finita con questa presa in giro e mangiasoldi che qualcuno chiama Europa!

    Report

    Rispondi

  • Ben Frank

    Ben Frank

    23 Febbraio 2016 - 12:12

    Nessuna meraviglia! La lezione del dopo-caduta-muro -di-Berlino: se apri la porta della gabbia a una bestia sanguinaria, non meraviglia se poi si viene azzannati...

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    23 Febbraio 2016 - 11:11

    Se fossi stato al posto di questo deficente avrei chiuso le frontiere e le avrei fatte presidiare dall'esercito,poi sarei uscito dall'europa e dall'euro.E come si presentava la troika subito in carcere.

    Report

    Rispondi

    • Franzkeks

      24 Febbraio 2016 - 11:11

      Sì, hai ragione, anche se sei ignorante come una capra, caro capitanuncino! Noi contribuenti tedeschi avremmo risparmiato 30 miliardi di euro!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog