Cerca

Gli affari dello zar

Una pioggia di miliardi per Putin: l'accordo (di guerra) con la Cina

Una pioggia di miliardi per Putin. Così Mosca manderà in rovina Obama

L'intervento dei caccia russi in Siria è stato uno dei migliori spot per l'industria militare di Mosca che nel 2016 cominciano a incassare le prime grosse commesse da diversi Paesi. I cinesi, per esempio, sono rimasti particolarmente colpiti dai Sukhoi Su-35S, ammirati anche al Singapore Airshow la scorsa settimana, come riporta Italia Oggi, a tal punto che anche l'agenzia Tass conferma la volontà di Pechino di acquistare almeno 24 caccia all inclusive. Una commessa del valore di 2 miliardi di dollari. La Cina sarebbe la prima potenza a dotarsi dei caccia russi, ma non l'ultima di quest'anno. A ruota c'è l'interesse anche dell'India, già intenzionata a comprare 40 caccia da Vladimir Putin, in particolare il modello Su-30Mki, sviluppato in collaborazione con l'aeronautica militare indiana e assemblato in India. Altre richieste arrivano al Cremlino dal nord africa, tutte da definire, e dall'Indonesia, pronta a sostituire la sua flotta fatta degli obsoleti caccia americani, gli F-5E/F.

La rinascita - Per l'aviazione russa è uno dei momenti più floridi, almeno stando ai dati dell'agenzia Rosobornexport, specializzata nell'intermediazione degli scambi commerciali import-export per la Russia. Mosca può vantare un portafoglio di ordini da 20 miliardi di euro solo per i velivoli. Un giro d'affari sviluppato da una delle tecniche di marketing più banali che esistano: "L'aumento della domanda - ha detto Sergey Kornev, capo dipartimento export - è stato facilitato dalla convenienza economica dei modelli russi, dalla reputazione della Russia come partner affidabile e dalla cooperazione tecnica e militare stretta con i vari paesi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eden

    27 Febbraio 2016 - 17:05

    E noi europei imbecilli e idioti applichiamo le sanzioni alla Russia mentre Putin se la ride. Ecco la dimostrazione che a rimetterci siamo noi.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    27 Febbraio 2016 - 13:01

    Oh Putin, zar delle Russie, statista illuminato / strenuo difensor della tradizione cristiana,/ liberaci dall’imperio dell’infame abbronzato,/ complice dei bastardi di fede musulmana./ Con te pugnerem ed annienterem la Nato, / tutrice della mendace sinistra renziana./ l’islamico invasor dal nostro suol sarà cacciato/ e tu tosto regnerai sulla fiera stirpe dei…BANANA!!

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      16 Agosto 2016 - 21:09

      Con te pugnerem ed annienterem la Nato,...A mio avviso questo si fa se**ghe mentali.70 anni di P.C.I.-P.D.S.-D..S.-Pd.-(?)lo hanno ridotto così.

      Report

      Rispondi

  • doberman

    27 Febbraio 2016 - 12:12

    Semplice , isolato in Europa di conseguenza porte aperte in oriente ( come farsi un amico nemico)

    Report

    Rispondi

  • arwen

    27 Febbraio 2016 - 11:11

    E pensare che, senza le stupide quanto inutili sanzioni, parte di quei soldi sarebbero potuti affluire in Italia....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog