Cerca

Islam e dintorni

Per la Francia possono pure ammazzarla: la storia dell'orrore dell'attrice Loubna

Loubna Abidar

In Francia tengono i clandestini e rispediscono a casa le attrici minacciate dagli islamisti. Il caso Loubna Abidar, attrice marocchina candidata ai César, minacciata di morte dagli islamisti in Marocco dopo aver interpretato il ruolo di una prostituta nel film “Much Loved”, ma con il permesso di soggiorno scaduto: l'ipertrofia burocratico-amministrativa francese rischia di rispedirla in Marocco dove è costretta a girare in burqa per non farsi riconoscere ed è già stata aggredita violentemente. Sua figlia è in Marocco, ha sei anni, e non parla più con i figli dei vicini, perché «tua mamma è una prostituta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • binariciuto

    28 Febbraio 2016 - 12:12

    Banale, gli attuali governanti francesi sono co.glioni quanto i nostri non eletti: unica differenza è che pensano/credono di essere "grandi".

    Report

    Rispondi

blog