Cerca

Lattina bucata

Putin dichiara guerra agli Stati Uniti: clamorosa mossa, addio "Coca Cola"

Putin dichiara guerra agli Stati Uniti: clamorosa mossa, addio

La CocaCola è nei guai, quantomeno in Russia. Il colosso americano, leader nel campo dell'alimentazione con la celebre bevanda al gusto cola, potrebbe subire delle razioni da parte della Duma, il parlamento russo. CocaCola sarebbe colpevole di aver "dimenticato" di inserire la Crimea nei territori russi in una campagna pubblicitaria sul social network VKontakte in cui aveva dimenticato la penisola che si affaccia sul Mar Nero. Un comportamento che lede l'immagine del grande stato eurasiatico e del suo leader Vladimir Putin, che tanto aveva voluto riammettere la regione ucraina alla Russia.

Oscurato - Problemi simili, anche se in questo caso la situazione sembra più grave, per TripAdvisor, la bibbia dei viaggiatori. Il portale, che permette agli utenti di valutare e recensire strutture come ristoranti e hotel, è reo della stessa colpa e potrebbe essere oscurato in tutta la Russia. Sorge, in questo caso, un problema legislativo: non essendo un'ong non è attualmente praticabile la limitazione o cancellazione delle attività in Russia. Presto, però, potrebbe arrivare una legge ad hoc promossa da Oleg Mikheyev, deputato di Russia giusta, per fermare TripAdvisor estendendo la legge anche alle aziende e non solo alle organizzazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    01 Marzo 2016 - 12:12

    Sembrano i proclami della Corea del Nord, poveri russi

    Report

    Rispondi

  • Chry

    01 Marzo 2016 - 11:11

    Sembrano i proclami della Corea del Nord, poveri russi

    Report

    Rispondi

blog