Cerca

Prime ammissioni

Regeni, la confessione horror dell'Egitto: "Cosa gli abbiamo fatto per sette giorni"

Giulio Regeni,  ora l'Egitto confessa: tutta la verità sulla sua morte

Prime ammissioni delle autorità egiziane sulla morte di Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso al Cairo: il ragazzo è stato interrogato per sette giorni prima di essere ucciso. Lo conferma Hisham Abdel Hamid, direttore del Dipartimento di Medicina legale egiziano che è intervenuto nell'ufficio del procuratore Ahmad Naji la scorsa settimana per chiarire alcuni punti dell'autopsia condotta in Egitto.

A raccontarlo sono due fonti della procura egiziana a Reuters. "Hamid ha confermato al procuratore che le ferite sul corpo del ricercatore italiano sono state effettuate a diversi intervalli ogni 10-14 ore per sette giorni. Questo significa che chi lo ha ucciso lo interrogava per ottenere informazioni", ha spiegato la fonte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog