Cerca

Un poliziotto ferito

Sparatoria a controllo anti-terrorismo: terrore a Bruxelles, due in fuga

Sparatoria a controllo anti-terrorismo: terrore a Bruxelles, due in fuga

Ormai, gli allarmi sono praticamente quotidiani. Se non, come oggi, più di uno al giorno. Sfumata l'ipotesi che a Berlino l'auto esplosa questa mattina fosse un'autobomba esplosa per sbaglio in anticipo, qualche ora dopo, l'allarme terrorismo è scattato a Bruxelles, che dallo scorso 13 novembre vive in uno stato di perenne tensione.  Colpi di arma da fuoco sono stati esplosi da sconosciuti contro agenti della polizia belga a Forest, sobborgo alla periferia sud-occidentale di Bruxelles, mentre erano impegnati in una perquisizione collegata agli attacchi terroristici a Parigi: lo ha reso noto un portavoce della Procura federale, Eric van der Sypt. Stando al quotidiano "La Derniere Heure", i due aggressori sono riusciti a fuggire e nei dintorni della capitale belga è in corso una gigantesca caccia all'uomo.

Nel tardo pomeriggio le forze antiterrorismo, che erano riuscite a isolare i sospetti in un palazzo, sono entrate in azione. C'è stata una nuova sparatoria, col quartiere completamente isolato e blindato, nel corso della quale uno dei sospetti terroristi sarebbe stato ucciso. Secondo i media belgi, il latitante Salah non sarebbe tra gli uomi della sparatoria di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    17 Marzo 2016 - 12:12

    Pensate all'imbecillità del popolo Belga: per una vita valloni e fiamminghi si sono odiati e scannati per poi permettere alla spazzatura maomettana di invadere il paese e ridurlo ad una discarica.

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    16 Marzo 2016 - 06:06

    Ewwiwa la globalizzazione tanto amata dai nostri komunisti rossi caro rossano

    Report

    Rispondi

  • aaronrod

    15 Marzo 2016 - 22:10

    C' è da ringraziare questi emeriti imbecilli politici, che, grazie al loro inneggiare al raccogliere profughi, dove tra 10 profughi almeno la metá son delinquenti e non hanno voglia di lavorare, ci tiriamo a casa mine vaganti. L' Europa con la sua politica ha fatto venire la nausea a tutti. Proviamo a fare dei referendum e vediamo quanti sono d' accordo di stare in questa Europa, chiediamo se vogliono o meno Schengen. Cari politici, avete paura dei risultati perchè sapete cosa direbbe la gente. Andreste tutti a casa! Somari!

    Report

    Rispondi

blog