Cerca

Processo in Vaticano

Vatileaks, la rivelazione clamorosa: i test clinici falsi di Papa Francesco consegnati agli 007 cinesi

Vatileaks, la rivelazione clamorosa: i test clinici falsi di Papa Francesco consegnati agli 007 cinesi

I test clinici (falsi) sulla salute di Papa Francesco finiti in mano agli 007 della Cina. Sarebbero questi gli ultimi clamorosi sviluppi del processo Vatileaks. Secondo quanto riferisce Repubblica monsignor Lucio Vallejo Balda avrebbe effettuato un misterioso viaggio a Dubai in compagnia dell'ex colonnello dei Ros Giuseppe De Donno, per consegnare ai servizi segreti di Pechino la cartella clinica di Bergoglio. Il militare, tuttora sotto processo per la trattativa Stato-Mafia, smentisce categoricamente: "Ma quali 007, lui era in missione di carità". Ma il viaggio c'è stato, e dalle carte del processo emergerebbe che Balda, imputato insieme a Francesca Chaouqui e ai due giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, avrebbe consegnato ai servizi le analisi di sua madre.  

La mail e gli esami modificati - A settembre la gendarmeria vaticana perquisisce l'abitazione della commissione vaticana sulle Finanze e dentro cellulare e pc trovano le chat di Whatsapp con Nuzzi, Fittipaldi, la Chaouqui, le password di accesso ai database della Cosea e un paio di mail in cui parla con De Donno del viaggio in Dubai. E poi, scrive Repubblica, spuntano anche i file dell'elettrocardiogramma e delle analisi del sangue della madre 82enne del monsignore, con intestazione modificata: al posto del nome della signora, quello di Jorge Mario Bergoglio

Il viaggio a Dubai - "Conosco Balda da molti mesi, almeno dal 2014. Con lui ero in ottimi rapporti. È stata la Chaouqui a presentarmelo, spiega sempre De Donno a Repubblica. "Io dovevo andare a Dubai per lavoro, lui per incontrare persone legate all'associazione benefica Messaggeri della Pace a cui voleva chiedere dei finanziamenti o non so bene cosa. Il periodo coincideva, quindi abbiamo deciso di andare insieme, tutto qua. Il biglietto me lo sono pagato da solo, ovviamente". A Dubai, rivela l'ex colonnello, "Balda girava con l'abito talare e un trolley. Mi sembrava molto rilassato, siamo stati a cena in albergo. Non sono stato con lui tutto il tempo, quindi non saprei dire con chi si è visto". Resta un  mistero anche sul motivo, eventuale, di quell'incontro: forse per accreditarsi con i cinesi, o forse per avere da loro qualcosa in cambio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog