Cerca

L'agguato

Preso il terrorista di Parigi, ecco dov'era e con chi

Preso il terrorista di Parigi, ecco dov'era e con chi

L'obiettivo è sempre lui: il super ricercato per le stragi di Parigi del 13 novembre scorso, Salah Abdelslam. C'è stata una nuova sparatoria alla periferia di Bruxelles dove sono stati esplosi una decina di colpi di arma da fuoco nel sobborgo di Molenbeek della capitale belga.

Maxi operazione - Un uomo è stato ucciso mentre Salah sarebbe stato ferito. Da mesi la polizia è sulle sue tracce, martedì scorso c'era stato un primo blitz sempre a Bruxelles, questa mattina, venerdì 18 marzo, si è avuta conferma della sua presenza in un appartamento. La maxi operazione delle forze speciali di polizia che ha portato all'arresto di Salah Abdeslam ha catturato il principale ricercato per gli attentati di Parigi. Il terrorista si era rifugiato insieme a un complice, anche lui fermato dagli agenti e ferito, in una casa di Molenbeek, il quartiere della capitale belga nel quale era stato ideato l'attacco a Parigi. Ora si cerca un terzo uomo.

Nella zona si sono sentiti una decina di spari. I passanti nella strada hanno sentito le forze speciali al megafono urlare "uscite e arrendetevi". Nell'area c'è anche una scuola e i bambini sono rimasti bloccati nelle aule. La polizia belga ha effettuato oggi simultaneamente quattro perquisizioni nella capitale belga.

I dettagli del blitz - Quando ha saputo del blitz, il premier belga Charles Michel ha lasciato precipitosamente la sede del vertice Ue-Turchia. L'operazione sarebbe stata anticipata da domani a oggi dopo la fuga di notizie sul ritrovamento delle impronte di Salah nell'appartamento di Forest. Abdeslam potrebbe essere stato nella casa perquisita martedì. Impronte e tracce di Dna sono infatti state ritrovate nella casa dove, durante il blitz, è avvenuta una sparatoria in cui è rimasto ucciso un terrorista.
Bruxelles, scoperte impronte di Salah nel covo dei terroristi. 

Il terrorista ucciso - Il terrorista algerino ucciso dalla polizia durante la sparatoria a Forest, Mohamed Belkaid, sarebbe uno dei falsi migranti che Salah Abdeslam andò a prendere in Ungheria e con cui venne controllato alla frontiera austriaca. Sarebbe uno dei ricercati per la logistica degli attentati di Parigi sotto la falsa identità di Samir Bouzid, che effettuò un versamento da Bruxelles alla cugina di Abdelhamid Abaaoud, Hasna Ait Boulahcen, rimasti uccisi entrambi nel raid a Saint-Denis.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    18 Marzo 2016 - 20:08

    Il Belgistan è ormai un Paese islamico...per un Salah che prendono,ce ne sono altri milioni pronti a colpira l'ex Belgio ! è tutto inutile...l'Occidente è finito !

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    18 Marzo 2016 - 19:07

    Catturato Salah Abdelslam. Niente processo. Castrazione con le tenaglie dalle pinze ben affilate. Fine.

    Report

    Rispondi

  • mannellovincenzo

    18 Marzo 2016 - 17:05

    "...mai credere del tutto a quanto raccontano #polizia e #servizisegretioccidentali

    Report

    Rispondi

    • zydeco

      18 Marzo 2016 - 20:08

      E' vero, pero' non e' che gli altri dicano la verita. Quindi e' meglio non credere del tutto a nessuno. A cominciare dai governanti italiani.

      Report

      Rispondi

blog