Cerca

L'arresto del terrorista islamico

I complici di Salah. Chi ha nascosto il killer nel cuore dell'Europa

Terrorismo, il premier francese Valls:

La scena dell'arresto di Salah Abdeslam, con la gente del quartiere Molenbeek che aggredisce poliziotti e giornalisti, ricorda inevitabilmente i momenti di tensione che si vivono quando un boss mafioso viene arrestato in Italia, dopo una latitanza nel quartiere che "governava". Il sistema che ha permesso all'ultimo killer della strage di Parigi di non farsi arrestare sta tutto in quella reazione. Quella zona, il Molenbeek, da anni era diventato un vero e proprio fortino dell'estremismo islamico, grazie alle politiche di "tolleranza e multiculturalismo" promosse dai sindaci socialisti che si sono avvicendati dagli anni '90 ad oggi. Non solo la polizia non metteva piedi in quelle strade da tempo, ma ormai anche i dipendenti delle compagnie di gas ed elettricità

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    20 Marzo 2016 - 19:07

    tutti che si lamentano...ma tutti poi votano PD...

    Report

    Rispondi

  • alby118

    20 Marzo 2016 - 16:04

    Schiacciamo al più presto la testa alla serpe islamica che ci siamo portati in seno !!!

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    20 Marzo 2016 - 13:01

    I ghetti che piacciono tanto ai nostri komunisti rossi

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    20 Marzo 2016 - 13:01

    Gli arabi non cambiano. La storia ce lo insegna. Vanno tutti passati a fil di spada ed i restanti mandati a casa. E' già successo e succederà ancora. Con il beneplacito dei codardi e della Chiesa timorosa e paurosa d'essere processata per quel che è: una spelonca di debosciati fancazzisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog