Cerca

Scritto nel destino

Marco, l'italiano scampato per caso alla strage in metro a Bruxelles: "Mi sono svegliato tardi"

Marco, l'italiano scampato per caso alla strage in metro a Bruxelles:

Ha 27 anni, è italiano di Macerata, vive a Bruxelles da 6 mesi ed è salvo per miracolo. Nella giornata di sangue della capitale belga sconvolta dagli attentati jihadisti (oltre 30 morti e 100 feriti, tre gli italiani ma nessuno in gravi condizioni), si inserisce l'incredibile storia di Marco Scarpetta, impegnato in un tirocinio all'Onu. Questa mattina si è svegliato tardi e solo per questo non era nella metro di Maelbeek teatro di uno degli attentati. "Sono sconvolto - ha scritto su Facebook -. Ho paura. Provo una sensazione di impotenza e incertezza totali. È accaduto a pochi passi da dove mi trovo, nella stazione metro dove sarei dovuto essere se fossi stato puntuale". Ad avvertirlo di quanto stava accadendo è stato il suo dirigente capo, via telefono. "Sto bene e durante le esplosioni alla stazioni della metropolitana, ero ancora a casa. Non voglio andare in ufficio oggi. Il mio pensiero e le mie preghiere sono con le vittime e le loro famiglie".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cesare46

    23 Marzo 2016 - 10:10

    Al di la del dispiacere per le vittime di questa ennesima carneficina, ma quanta gente fancazzista dobbiamo pagare tra consulenti, tirocinanti, stagisti, portaborse, parassiti vari ecc. ecc. che brulica nei meandri della UE ?

    Report

    Rispondi

blog