Cerca

L'ombra dei jihadisti

Belgio, l'inquietante scoperta: ucciso un dipendente della centrale nucleare di Charleroi, sparito il badge

Belgio, l'inquietante scoperta: ucciso un dipendente della centrale nucleare di Charleroi, sparito il badge

Un agente della sicurezza della centrale nucleare di Charleroi è stato ucciso giovedì sera e il suo badge è stato trafugato. I fatti sono avvenuti giovedì sera, ma la notizia è trapelata solo oggi. Ne dà notizia il sito belga Derniere Heure. È l'ultimo tassello di un mosaico inquietante: nelle ultime ore era trapelato che secondo un filone dell'inchiesta sulle stragi di Bruxelles i due fratelli-kamikaze avevano nel mirino il Centro studi dell'energia nucleare belga di Mol (Cen), nelle Fiandre.

Il dirigente pedinato - Subito dopo gli attentati all'aeroporto e alla metropolitana, si era alzato l'allarme presso le centrali atomiche del Paese, segno che qualcosa nelle maglie (larghissime) dei servizi segreti belgi si era "impigliato". A novembre, dopo gli attentati di Parigi, era stata posizionata una telecamera nascosta davanti alla casa del direttore del programma di ricerca e sviluppo nucleare belga. Si tratta di un video di una decina di ore circa, sequestrato il 30 novembre a casa di Mohamed Bakkali. A piazzare la telecamera sarebbero stati proprio i due fratelli Ibrahim e Khalid El Bakraoui, due dei tre kamikaze del 22 marzo: forse Zavantem e Maelbeek sono diventati il loro obiettivo solo in un secondo momento, dopo il fallimento dell’attacco alle centrali nucleari (l'impianto fu blindato con 140 militari).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vispateresa

    Vispateresa

    26 Marzo 2016 - 11:11

    Dalle mie parti per indicare una situazione squinternata si usa dire " Sem cunscià com 'el Belgio ". Adesso capisco !

    Report

    Rispondi

blog