Cerca

L'anticipazione dall'Egitto

"C'è un dossier segreto su Regeni". La spifferata: ecco chi pedinava Giulio

Giulio Regeni, rivelazione della Procura: ecco chi lo ha ucciso e perché

Quelli che nelle prime fasi delle indagini sull'omicidio di Giulio Regeni, ora stanno diventando sempre più certezze. Secondo il quotidiano egiziano Al-Akhbar, tra i principali del Paese, i servizi segreti del Cairo sarebbero stati da tempo sulle tracce del giovane ricercatore ucciso in circostanze ancora da chiarire. La stampa egiziana sostiene che il prossimo martedì sarà consegnato nelle mani del procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, un "esaustivo dossier" da parte di una "delegazione della sicurezza egiziana". Nel fascicolo ci sarebbero anche i risultati delle indagini compiute da apparati egiziani sui numerosi incontri di Regeni con ambulanti e sindacalisti al Cairo.

Il dossier - Il quotidiano Al-Akhbar, citando fonti della sicurezza egiziana, sostiene che nel fascicolo ci sono "molti documenti e informazioni importanti", come per esempio foto e "tutte gli innumerevoli rapporti, i segreti dei suoi incontri con i lavoratori e i responsabili di alcuni sindacati, sui quali conduceva ricerche e studi". Finora il governo di Al-Sisi ha sempre sostenuto l'estraneità di soggetti in qualche modo legati alla sicurezza egiziana nella tragedia del giovane italiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • clubscacchisti

    02 Aprile 2016 - 00:12

    Se era mio figlio me la prendevo con chi lo ha mandato l'ha mandato in Egitto senza preoccuparsi dei rischi che correva, mi dispiace per ciò che è successo, ma l'Egitto non è l'Italia e lui forse si è reso conto dei rischi che correva solo alla fine quando si sentiva osservato e pedinato. Sarebbe meglio che i nostri studenti vadano a studiare in paesi liberi, anche se oramai si rischia ovunque.

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    01 Aprile 2016 - 14:02

    si dopo averle provate tutte, ora ci diranno che era un terrorista....e il nostro governo, calerà i pantaloni ancora una volta

    Report

    Rispondi

blog