Cerca

Le conseguenze del boicottaggio

La minaccia del Re Mida di Sharm: "Punite l'Egitto? Attenzione all'Isis"

Ernesto Preatoni

"Sono degli idioti. Lo scriva eh: idioti". Così Ernesto Preatoni interpellato da Il Giorno. Lui è l'uomo che, dal nulla, si è inventato Sharm el Sheikh, e ora commenta gli sviluppi del caso Regeni, con l'Italia che starebbe valutando di boicottare il turismo in Egitto. Preatoni, 73 anni, continua: "Sono degli idioti non perché va contro i miei affari" ma anche perché "il turismo in Egitto è già morto, così fanno come Maramaldo, uccidono un uomo morto".

Cosa dovrebbe fare, dunque, l'Italia? "Ma nulla - riprende -! Questo è e resterà un delitto irrisolto come ce ne sono tanti. Anche in Spagna sono morte quelle ragazze in pullman, vietiamo i viaggi in Spagna?". Dunque, puntualizza: "Sia ben chiaro, spiace che un povero ragazzo sia morto. Ma siamo scellerati se pensiamo di mettere a posto le cose degli arabi, che sono indietro di 400 o 500 anni perfino nel loro calendario".

Preatoni, inoltre, affaccia uno scenario drammatico. Insiste sulla crisi del turismo in Egitto, afferma che "se non avessi interessi anche altrove, con i quali ogni mese copro le perdite, lascerei Sharm. Abbiamo mandato via da Coral Bay 25, 30 lavoratori italiani che non troveranno più lavoro". Dunque, riprende: "Intanto in Egitto si sta creando un esercito di disperati che non avranno altra possibilità che unirsi all'Isis". Dunque, per Preatoni, per paradossi l'eventuale boicottaggio del turismo in Egitto avrebbe come conseguenza il rafforzamento del terrorismo islamico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Syrma

    Syrma

    15 Aprile 2016 - 12:12

    Ha ragione. La radicalizzazione si rafforza in situazioni di disagio sociale e la miopia dell'occidente ha già contribuito a crearne o aggravarne anche troppe.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    11 Aprile 2016 - 17:05

    Se l'hanno mandato là gli inglesi se ne occupino gli inglesi. Noi siamo stufi della cretineria di un Governo che ci mette nei guai per proteggere le Simone, Vanesse e tutti gli esaltati che vanno a rompere le scatole a casa altrui. Sono i discepoli di Napolitano che stoltamente si schiero' con quelli che fecero accoppare Gheddafi per boicottare i nostri interessi in Libia ( Sarkosi e Cameron).

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    11 Aprile 2016 - 17:05

    Se l'hanno mandato là gli inglesi se ne occupino gli inglesi. Noi siamo stufi della cretineria di un Governo che ci mette nei guai per proteggere le Simone, Vanesse e tutti gli esaltati che vanno a rompere le scatole a casa altrui. Sono i discepole di Napolitano che stoltamente si schiero' con quelli che fecero accoppa

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    11 Aprile 2016 - 15:03

    La responsabilità della morte del ricercatore è degli inglesi che lo hanno mandato al Cairo con la scusa della pseudo ricerca E per me lo hanno mandato allo sbaraglio di proposito,vittima sacrificale, per crearci questi problemi con l'egitto. Se così non fosse gli inglesi l'avrebbero protetto durante la missione. E i geni nostrani,inclusi i media, ci cascano come al solito. Che pena.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog