Cerca

Paradiso del turismo

A Zanzibar epidemia di colera: 45 morti e tremila contagiati

A Zanzibar epidemia di colera: 45 morti e tremila contagiati

E' allarme, a Zanzibar, per una epidemia di colera che ha colpito l'isola, meta ogni anno di centinaia di migliaia di turisti provenienti dall'Europa, molti dei quali dall'Italia. Almeno 45 persone sono già morte e circa tremila sono ammalate, centinaia delle quali ricoverate negli ospedali dell'isola. Zanzibar è un'isola a due facce: quella turistica degli alberghi e dei resort e quella dei locali, che vivono in condizioni di estrema povertà. Il governo di Zanzibar ha recentemente preso provvedimenti per arginare l’epidemia, tra cui il divieto di vendita di cibo e succhi di frutta in aree aperte. Il governo ha anche installato diversi campi nelle isole di Unguja e Pemba, per solare i pazienti affetti da colera. Intanto a causa delle forti piogge, i sistemi fognari risultano intasati e questo aggrava la diffusione dell’epidemia. “L’epidemia di colera è minaccia per l’industria del turismo – spiegano – soprattutto in questi mesi quando la stagione turistica entra nel vivo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    29 Aprile 2016 - 16:04

    ....ora il papa gaucho....andrà a Zanzibar per fregare......pardon...per pregare ?

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    29 Aprile 2016 - 12:12

    Quanto mi dispiace che Willy abbia la vista corta ma gli scarafaggi ci sono già da tempo qui e guarda caso ci governano da un bel pò quindi non deve dare la colpa agli immigrati.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    29 Aprile 2016 - 12:12

    per gli evasori ora e' il posto giusto. spenderete pochissimo.

    Report

    Rispondi

    • burago426

      29 Aprile 2016 - 15:03

      gli evasori rendono allo Stato come quelli che si dichiarono disoccupati. Almeno i primi danno lavoro. Ci vedi una diversità come contributo verso la società? Se sono colpevoli i primi lo sono anche i secondi, che non hanno voglia di cercarlo il lavoro. Ma secondo voi abitare e vivere in città, si trova più presto il lavoro? Forse non lo vogliono trovare.

      Report

      Rispondi

blog