Cerca

L'idea

Spendi troppo? Ti arriva la scossa. La mossa delle banche per "aiutare" i correntisti

Braccialetto scossa

Shopping addicted? Non riuscite proprio a resistere all’impulso di fare spese folli? Arriva la soluzione che fa per voi. O per la vostra dolce metà. Un braccialetto elettronico che dà una scossa da 225 volt se si spende troppo. L’idea viene da nientemeno che dalle banche britanniche. La Bbc rivela come alcuni istituti di credito stiano valutando di introdurre, su base volontaria s’intende, questo nuovo strumento per aiutare i propri clienti a non spendere più del dovuto con le proprie carte di credito.

Come funziona - Il braccialetto elettronico è collegato a un computer che, attraverso un software sviluppato dalla società Intelligent Environments, mette in connessione la banca dati dell’istituto di credito e i terminali per il pagamento con bancomat e carta di credito. Se il correntista sta per strisciare l’amata carta di credito per un importo eccessivo rispetto al deposito sul conto corrente, il braccialetto somministra una breve scarica elettrica come avvertimento.

È la nuova frontiera del cosiddetto “Internet delle cose” che si applica sempre più agli oggetti di uso quotidiano, dagli elettrodomestici alle automobili. Tuttavia, il progetto è ancora in fase di studio, anche se non mancano i sostenitori. “Molti istituti di credito ci hanno chiesto notizia del nostro nuovo sistema - ha riferito David Webber, direttore esecutivo della Intelligent Environments - Comunque la funzione del braccialetto potrà sempre essere disattivata su richiesta del cliente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • AlessioFi

    19 Maggio 2016 - 13:01

    "Se il correntista sta per strisciare..." come diamine fa a sapere cosa STO PER FARE?

    Report

    Rispondi

    • sinceramente

      19 Maggio 2016 - 14:02

      Mi sembri un citrullo che "quando il saggio indica la luna, lo stolto guardi il dito"

      Report

      Rispondi

blog