Cerca

Storia vera

Salvato dalla sua passione per la pizza
Ha un ictus e poi succede una cosa incredibile

Domino's Pizza

La passione per la pizza gli ha salvato la vita. Kirk Alexander, un 48enne di Salem nell’Oregon, soffre di una grave malattia che lo costringe a una vita ritirata. Tuttavia, l’uomo non ha mai rinunciato alla sua adorata pizza, che ordinava regolarmente presso la catena Domino’s Pizza. Affezionato cliente da più di dieci anni, era ben conosciuto dagli autisti del negozio che gli portavano regolarmente i pasti a domicilio.

Sono stati proprio loro, gli autisti, a far notare alla manager che Alexander non ordinava da parecchio tempo. Così Sarah Fuller e la sua vice Jenny Saber hanno controllato la lista degli ordini e confermato che il cliente non ordinava da 11 giorni. Allarmati dal prolungato silenzio e conoscendo la condizione di salute di Alexander, i dipendenti della catena Domino’s Pizza hanno deciso di mandare uno degli autisti a casa del cliente per controllare che tutto fosse a posto. Giunto sul posto, l’autista Tracey Hamblen ha trovato le luci di casa e la tv accese, ma nessuno rispondeva al campanello.

A questo punto i dipendenti hanno deciso di chiamare il 911 e fortunatamente l’operatore del centralino ha preso sul serio l’ansia dei tre, basata sul solo fatto che un cliente non ordinava la sua regolare pizza da 11 giorni, e ha mandato una pattuglia. Gli agenti hanno bussato, suonato e chiamato Alexander più volte e hanno creduto di sentire una flebile richiesta di aiuto dall’interno. Così hanno sfondato la porta e scoperto che l’uomo aveva avuto un piccolo ictus, era caduto a terra e non riusciva più a rialzarsi.

Immediatamente soccorso dall’ambulanza, Alexander è stato portato al pronto soccorso e ora è salvo grazie alla prontezza e all’interessamento dei dipendenti di Domino, che sono anche andati a trovarlo in ospedale. I tre hanno anche ricevuto un premio per la loro prontezza e sensibilità nei confronti di un cliente da parte della società madre che regalerà loro un viaggio a Las Vegas.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog