Cerca

Le vittime innocenti

Dopo Aylan, il neonato morto: la nuova foto-simbolo della strage nel Mediterraneo

Dopo Aylan, il neonato morto: la nuova foto-simbolo della strage nel Mediterraneo

Alla fine dell'estate 2015 il corpo senza vita del piccolo Aylan Kurdi, il bimbo siriano di 3 anni ritrovato riverso sulla spiaggia di Bodrum, in Turchia, aveva sconvolto l'Europa: era il simbolo del dramma dei migranti in fuga dalla Siria (e non solo), per sfuggire a guerre e povertà. Lui e il fratellino Galip, di 5 anni, sono state solo due delle migliaia di vittime di una tragedia epocale. Il Mediterraneo come tomba, si diceva. A 8 mesi di distanza, nulla è cambiato. Le  rotte degli scafisti ora puntano nuovamente sulla Sicilia e la strage degli innocenti continua.

Pugno allo stomaco - La nuova straziante foto, per ora senza una storia, è questa: Martin, un volontario tedesco dell'organizzazione Sea Watch, culla tra le braccia il corpo esanime di un altro neonato. "L'ho trovato come una bambola con le braccia distese. Ho preso l'avambraccio del bambino e ho avvicinato subito il corpo in modo protettivo alle mie braccia, come se fosse ancora vivo - ha raccontato l'uomo, padre di tre bambini -. Ho cominciato a cantare per confortarmi e per cercare di esprimere in qualche modo questo momento incomprensibile, straziante. Aveva le braccia aperte con le dita minuscole all'aria, il sole illuminava i suoi occhi chiari, amichevoli ma fissi. Solo sei ore fa questo bambino era vivo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    05 Giugno 2016 - 10:10

    Queste tristissime immagini che non vorremmo mai vedere ,al di la del diritto di cronaca, purtroppo vengono riproposte a tutti i livelli e strumentalizzate anche per promuovere indirettamente ulteriore continua immigrazione ed una accoglienza sempre più difficile in quanto gli altri paesi fanno di tutto per non accogliere e quindi restano in Italia e si sommano a quelli dello scorso anno.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    31 Maggio 2016 - 11:11

    Ah..dimenticavo...Il messaggio trasmesso dalla fotografia è"Io sono morto.E'colpa tua."

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    31 Maggio 2016 - 11:11

    Un'altra fotografia usata per fare leva sui meccanismi dell'inconscio umano....Un'altra manipolazione mentale dei cervelli.Chi c'è dietro tutto questo?

    Report

    Rispondi

  • vigpi

    31 Maggio 2016 - 07:07

    Perché certe foto escono quando la gente comincia a lamentarsi per i troppi migranti in arrivo??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog