Cerca

Cambia tutto

Vietare il velo islamico in azienda? Si può fare: la sentenza-rivoluzione

velo islamico

Velo sì, velo no. Rispetto della libertà di religione contro principio della neutralità religiosa e ideologica nel posto di lavoro. Alla fine si pronuncia la Corte di Giustizia dell’Unione Europea: un'azienda può vietare il velo ai propri dipendenti sul posto di lavoro. Ma a determinate condizioni. Perché non costituisca una discriminazione diretta fondata sulla religione, il divieto posto ad una lavoratrice di fede musulmana di indossare un velo islamico sul luogo di lavoro deve fondarsi su una regola aziendale generale che miri a vietare sul posto di lavoro tutti i segni politici, filosofici e religiosi visibili in generale, e non deve poggiare su stereotipi o pregiudizi nei confronti di una o più religioni determinate.

Questo è il parere emesso dall'avvocato generale Juliane Kokott in una causa in corso presso la Corte di Giustizia dell'Ue, che vedeva opposti Samira Achbita, di fede musulmana, e la società belga G4S Secure Solutions, che fornisce servizi di sicurezza e accoglienza. Nel regolamento interno all’azienda c'è il divieto di portare visibili segni religiosi e politici, ma la donna insisteva di poter indossare il velo sul posto di lavoro, così è stata licenziata. Samira ha fatto ricorso per discriminazioni fondate sulla religione, ma ha perso sia in primo grado che in appello. Anche l’avvocato generale si è espresso sulla questione in favore dell’azienda, ma le sue conclusioni non sono vincolanti per la Corte di Cassazione belga cui spetta adesso il compito di esprimersi in maniera definitiva sulla questione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    01 Giugno 2016 - 12:12

    seguito: il velo è un retaggio medioevale, nn x nulla le monache lo utilizzano x nascondere la loro femminilità, ritenuta peccaminosa da una religione (quella cattolica) anch'essa saldamente legata alle tradizioni di un mondo ormai sepolto. Basta con l'ipocrisia, dicialmolo: da un punto di vista culturale, noi siamo andati più avanti. Nn siamo noi che dobbiamo scendere ma loro che devono salire!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    01 Giugno 2016 - 12:12

    Il velo islamico è un simbolo di sottomissione e negazione della donna. E' un retaggio del mondo medio orientale che utilizzava questo sistema per nascondere la donna, cancellarla dal mondo. Una donna sottomessa e obbediente al maschio dominante. L'islam ha ereditato questa tradizione che è in netto contrasto con i principi, i precetti, gli ideali e le leggi della nostra società moderna.

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    01 Giugno 2016 - 12:12

    mi pare giusto che lo si vieti, xchè il velo per gli islamici non è un vezzo estetico, ma una appartenenza ad una religione. è un p'o come togliere crocefissi e presepi da noi.

    Report

    Rispondi

blog