Cerca

Euro-follie

Migranti, la proposta dell'Austria: "Portiamoli sulle isole"

Migranti, la proposta dell'Austria: "Portiamoli sulle isole"

Portare sulle isole i rifugiati salvati in mare e accogliere solo quelli che chiedono asilo nei campi in Medioriente. Sono alcune delle proposte avanzate dal ministro degli Esteri dell'Austria, il conservatore Sebastian Kurz, in un'intervista rilasciata al quotidiano Die Presse. Secondo Kurz, i migranti salvati mentre provano ad arrivare in Europa devono essere rimandati nel loro Paese d'origine oppure si può provare a raggiungere un accordo in merito con la Libia. Nel caso in cui questa cooperazione non sia possibile, per Kurz "le persone devono essere allora accolte in un centro di asilo, idealmente su un'isola. Da qui bisogna organizzare il loro rientro e dare loro appoggio finanziario". E come esempi di isole Kurz cita Lesbo. Il modello a cui pensa è quello che si applica in Australia: aumentare le pattuglie marittime per intercettare le imbarcazioni con rifugiati e portarli sulle isole, come l'Australia fa con Nauru e Papua Nuova Guinea.

Come Ellis Island - Quanto ai rifugiati che scappano dalla Siria, il ministro dice che finché non si creeranno zone sicure nel Paese dovranno continuare a restare in campi di accoglienza in Turchia, ma avverte che Ankara può cancellare "in qualunque momento" l'attuale accordo con l'Unione europea e che l'Ue deve essere capace di proteggere da sé le sue frontiere e "decidere chi possa venire e chi no". Nonostante riconosca che il modello australiano non si può copiare per intero, Kurz insiste sul sistema di internamento nelle isole e cita come esempio Ellis Island, a New York, dove per decenni è esistito un centro di smistamento degli immigrati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iuchi

    07 Giugno 2016 - 16:04

    In Italia abbimo l'isola di Linosa che ha un carcere abbandonato e l'isola è vuota. Portaimoli li e cominciamo la selezione rapida di tutti quelli che hanno diritto e quelli che non hanno nessun diritto a casa velocemente senza mantenere questa masnada di scrocconi che mangiano e bevono a nostre spese e non hanno neanche un minimo di gratitudine per quello che si fa per loro. Vergognatevi!!!

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    07 Giugno 2016 - 16:04

    Ha ragione!! Questo è l'unico modo per determinare in soli due mesi chi ha diritti oppure no. Nel secondo caso rimpatrio immediato!!! Dasta con questi tietismi del cazzo!!! Siamo invasi da persone inette ignoranti arroganti e senza voglia di lavorare per non dire di quali violenze sono abili e cinici.

    Report

    Rispondi

  • inetero

    05 Giugno 2016 - 14:02

    Se non ci fossero enormi interessi in ballo sarebbe l'unica cosa da fare per demotivare le partenze, daltronde come ha gia' fatto l'Australia che aveva gli stessi problemi.

    Report

    Rispondi

  • lamberto.bertoni

    05 Giugno 2016 - 13:01

    Concettualmente l'idea è ottima. Attenzione però anche noi abbiamo Isole. Vedi Lampedusa. L'Austria non ha Isole.Meglio forse non farceli più arrivare solo in Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog