Cerca

Giallo infinito

Giulio Regeni, altro schiaffo all'Italia: i professori di Cambridge non rispondono ai pm italiani

Giulio Regeni, altro schiaffo all'Italia: i professori di Cambridge non rispondono ai pm italiani

Ha avuto scarso successo la trasferta del magistrato e degli investigatori italiani a Cambridge dove in occasione di una celebrazione di Giulio Regeni si sperava di raccogliere dichiarazioni dai docenti ai quali il ricercatore era affidato. I professori e lo stesso tutor dello studente friulano Maha Abdelrahman non hanno accettato di rispondere alle domande del pm Sergio Colaiocco e degli investigatori di Sco e Ros. Gli stessi docenti pur non rispondendo agli investigatori si sarebbero impegnati
a inviare prossimamente al magistrato romano relazioni sul contenuto di corrispondenza intervenuta tra Regeni e gli stessi professori riguardanti il lavoro svolto in Egitto.

A rispondere alle domande invece sono stati alcuni degli amici e colleghi di Regeni che a loro volta si erano recati a Cambridge per
assistere alla commemorazione del loro collega. Le risposte date alle domande degli investigatori italiani si riferiscono alle attività
svolte in Egitto dal ricercatore friulano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolomora.pm@alice.it

    paolomora.pm

    29 Giugno 2016 - 20:08

    Probabilmente per il povero ragazzo é stata una folle disgrazia, forse non sapeva in quale guaio poteva cacciarsi a ficcare il naso in cose altrui. Ma ora mi sembra si stia esagerando e approfittando di lui, sia i media che i partiti che i genitori. Non si può piegare una ragion di stato alla propria volontà. Non sapremo mai cos'è successo. Mettiamoci su una pietra.

    Report

    Rispondi

  • caberme

    08 Giugno 2016 - 13:01

    Giulio Regeni, tanta compassione perché torturato, tutta la mia solidarietà. Dopo però parliamo seriamente: Va in Egitto per una ricerca che comporta avvicinare, intervistare, approfondire e conoscere meglio la dissidenza in quel Paese e poi riportare tutto all'Inghilterra. Questo significa svolgere lavoro di intellegence in un paese non democratico a favore di chi? E gli inglesi tacciono.

    Report

    Rispondi

  • claudioarmc

    08 Giugno 2016 - 13:01

    DAI MERDE DICHIARIAMO GUERRA ALL' INGHILTERRA ORA

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    08 Giugno 2016 - 12:12

    Già , chissà perchè non parlano? Amnesty sta mettendo striscioni "vogliamo la verità su Regeni ", bene anche noi , ma TUTTA la verità , non quella venduta fino ad ora . Chi era Regeni ? Per chi lavorava? Per se stesso o per altri e chi ? Come mai il suo articolo fu rifiutato dal fatto Quotidiano ? Se si sentiva in pericolo perchè non è andato all'Ambasciata Italiana del Cairo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog