Cerca

A Mosul

Non volevano diventare schiave sessuali, l'Isis brucia vive 19 ragazze curde

Non volevano diventare schiave sessuali, l Isis brucia vive 19 ragazze curde

Diciannove ragazze curde bruciate vive. I miliziani dell'Isis hanno dato fuoco in mezzo a una piazza di Mosul (Iraq), donne che si erano rifiutate di diventare schiave sessuali dei combattenti jihadisti. Hanno diffuso la notizia i media iraniani.

Le curde, chiuse in gabbie di ferro, sono state portate in una piazza della roccaforte irachena del Califfato nero, e date alle fiamme davanti a centinaia di presenti.  Le diciannove curde bruciate vive facevano parte di un gruppo più ampio di yazide rapite da Isis nell'agosto del 2014 vicino a Mosul ed usate come schiave sessuali. Secondo l'Onu sono 3.500 le donne yazide nelle mani degli aguzzini del califfo Abu Bakr al Baghdadi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    09 Giugno 2016 - 05:05

    Sul deep web esiste il video della barbara esecuzione delle ragazze Yazide chiuse nelle gabbie di ferro.Bastardi musulmani di merda.Per guardarlo occorre avere lo stomaco di ferro.C'è anche l'audio.

    Report

    Rispondi

  • gescon

    07 Giugno 2016 - 23:11

    La cultura che vuole importare la boldrina. Brava. Davvero brava

    Report

    Rispondi

blog