Cerca

L'isola di Napoleone

Venti troppo pericolosi: l'aeroporto di Sant'Elena non apre

Venti troppo pericolosi: l'aeroporto di Sant'Elena non apre

Capita di rado che un aeroporto passeggeri venga aperto ex novo, cioè da zero. In un anno le volte che ciò accade si possono mediamente contare sulle dita di una mano. Ancor più notizia fa, l'aeroporto, se viene costruito su un'isola sperduta in mezzo all'oceano che mai prima ne aveva avuto uno e che dalla notte dei tempi era collegata alla terra ferma solo via nave. L'isola in questione, poi, è storicamente tra le più famose al mondo: Sant'Elena, il luogo dove venne mandato al confine e dove morì nel 1821 Napoleone Bonaparte. Il fazzoletto di terra si trova a giorni e giorni di nave dalle coste della Namibia e dell'Angola, motivo per cui era stata scelta come luogo di prigionia dell'Imperatore dei francesi.

Qualche anno fa, la decisione: costruire un aeroporto sull'isola per consentire, finalmente, di raggiungere l'isola in circa tre ore di volo. Lo scalo, con la sua bella pista e il terminal, è stato completato qualche settimana fa e sono iniziati i test di volo da parte delle compagnie interessate a servirlo, in primis La Comair, una linea sudafricana di prorprietà della British Airways. E qui sono iniziati i guai. Perchè quando i 737-800 con a bordo i soli piloti in addestramento hanno fatto per scendere sulla pista, si sono imbattuti in potentissime raffiche di vento. E solo in pochissimi casi sono riusciti a posare il carrello a terra.

Giorni e giorni di tentativi hanno confermato quel che si temeva: l'assoluta imprevedibilità delle correnti e l'impossibilità di atterrare, nella stragrande maggioranza dei casi. Tutto è stato fermato e lo scalo da 370 milioni di euro rischia di diventare uno dei più grossi flop della storia dell'aviazione commerciale. Sarà la maledizione di Napoleone? Per ora, i collegamenti regolari continuano ad avvenire solamente via mare...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eden

    15 Giugno 2016 - 04:04

    E prima di costruirlo non hanno fatto i dovuti rilievi anche X orientare la pista in funzione dei venti? Mi pare molto strano che siano stati così sprovveduti!!!

    Report

    Rispondi

blog