Cerca

Fuoco al centro commerciale

Stati Uniti: ancora terrore, spari e ostaggi. Far west a Walmart, ammazzato il folle

Gli Stati Uniti colpiti (ancora) al cuore. Terrore, spari e ostaggi: caos in Texas

Poche ore dopo la strage di Orlando, ancora terrore negli Stati Uniti. Spari in un grande magazzino di Walmart, ad Amarillo, in Texas. La sparatoria è avvenuta proprio mentre Barack Obama stava parlando in diretta tv alla nazione sulla strage al gay-club in Florida. Il terrorismo non c'entrerebbe: il folle, ucciso dalla polizia in un blitz, avrebbe aperto il fuoco per motivi di lavoro. Sul luogo della spratoria decine di mezzi della polizia. Alcuni media parlavano di "alcuni ostaggi", ma ve n'era soltanto uno, liberato nel blitz delle teste di cuoio.

Per precauzione era stata chiusa la superstrada I-27 ed era stata isolata la zona. Fonti locali sostengono che il folle, forse un somalo ed ex impiegato del supermercato, abbia tenuto in ostaggio soltanto una persona che lavora nel Walmart stesso. "Pensiamo che si tratti di una situazione di violenza sul posto di lavoro", avevano detto le autorità  La polizia ha fatto sapere che alcuni testimoni hanno sentito degli spari, ma non ci sarebbero feriti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog