Cerca

Esercizi di Kegel

Uova bollenti per migliorare le prestazioni sessuali, scrittrice newyorkese si ustiona l'interno della vagina

uova di giada

Nel tentativo di allenare i propri muscoli pelvici e controllare meglio l’orgasmo, una scrittrice newyorkese di 32 anni si è bruciata l’interno della vagina. In un saggio pubblicato su YourTango, Rebecca Jane Stokes ha raccontato la sua esperienza con le uova di giada usate per eseguire gli esercizi di Kegel. “Avevo pensato che fosse una buona idea di rafforzare i muscoli della mia vagina prima di incontrarmi con il mio attuale amico di letto” ha spiegato la scrittrice. Perciò aveva ordinato dal sito Etsy un kit di tre uova di pietra marmorea in scala, dalla grandezza di un uovo di quaglia a quello di una gallina.

Benché gli esercizi di Kegel si possano fare semplicemente contraendo e rilassando i muscoli interni della vagina , senza l’uso di altri strumenti, è diventato molto popolare ricorrere all’aiuto delle cosiddette “uova di giada”: delle pietre a forma di uovo che si possono inserire all’interno della vagina per fare gli esercizi e poi estrarre grazie a un laccio di plastica legato a un’estremità dell’uovo.

Becca ha spiegato di aver seguito le istruzioni che consigliano di bollire le pietre prima di utilizzarle, in modo da pulirle senza utilizzare disinfettanti chimici dannosi per l’organismo. Tuttavia, la giovane newyorkese ha avuto troppa fretta di provare il nuovo acquisto e, dopo aver bollito le uova per 5 minuti, ne ha aspettati solo altrettanti prima di inserirne uno all’interno della propria vagina. “Al tatto - ha spiegato la donna al Daily Mail Online - non sembravano bollenti, solo confortevolmente calde e pensavo sarebbe stato piacevole inserirle nella vagina finché erano ancora tiepide”.

Purtroppo per Becca, non ha considerato che l’interno della vagina è molto più sensibile della punta delle dita, per cui una volta inserito, l’uovo le ha ustionato le pareti interne della vagina. L’esperienza tuttavia non ha demoralizzato la donna che dopo una settimana ha voluto riprovare le famigerate uova, questa volta dopo averle fatte raffreddare a sufficienza, ed è rimasta molto soddisfatta dall’esperienza, tanto da consigliarla anche alle altre donne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog